Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home

Donazioni

Paypal o Carta di Credito:

Bonifico:
ASSOCIAZIONE LE AGENDE ROSSE
IBAN IT19D0335901600100000116925









 




In Primo Piano

XXV Anniversario strage di via d'Amelio, il programma degli eventi a Palermo
di Movimento Agende Rosse - 16 luglio 2017

Il Movimento Agende Rosse, in occasione del venticinquesimo anniversario della strage di via Mariano D'Amelio, organizza una serie di iniziative a Palermo da lunedì 17 a mercoledì 19 luglio 2017. Grazie di cuore a tutte le persone che con le loro donazioni hanno reso possibile organizzare gli eventi. Di seguito il programma della manifestazione che potrà subire qualche aggiornamento in vista della ricorrenza. Gli eventi indicati in colore blu saranno trasmessi in diretta streaming su questo sito:


Lunedì 17 luglio
Ore 17:00 - Via della Vetriera: Compleanno Casa di Paolo e triangolare di calcetto alla Magione (Agende Rosse - SIAP della Polizia di Stato - Casa di Paolo)
Ore 19:15 - Corteo da Via della Vetriera alla Facoltà di Giurisprudenza
Ore 20:00 - Convegno promosso da AntimafiaDuemila: 'In che Stato è la mafia?' Intervengono Antonino di Matteo, Giuseppe Lombardo, Gianfranco Donadio, Saverio Lodato, Antonio Ingroia, Salvatore Borsellino e Giorgio Bongiovanni. Modera Maurizio Torrealta

Martedì 18 luglio
Ore 18:00 - Arrivo della Ciclostaffetta 'L'agenda Ritrovata' in via D'Amelio
Ore 18.30 - Libreria LaFeltrinelli, Via Cavour 33: presentazione del libro "L'agenda ritrovata". Intervengono Salvatore Borsellino, Evelina Santangelo e Gianni Biondillo. 

Leggi tutto...
 

Ordina un'Agenda Rossa



L'agenda Ritrovata

 

Appuntamenti

18

Dic

2008

Mafia: Riccio, boss Ilardo fece anche nome magistrato Favi PDF Stampa E-mail
Scritto da ANSA   
MAFIA: RICCIO, BOSS ILARDO FECE ANCHE NOME MAGISTRATO FAVI

PALERMO, 17 DIC (ANSA) - C'era anche il nome dell'ex titolare dell'indagine 'Why not', Dolcino Favi, tra le persone di cui il boss mafioso Luigi Ilardo, confidente del colonnello dei carabinieri Michele Riccio, avrebbe voluto fare ai magistrati, dopo il suo pentimento. A rivelarlo in aula davanti ai giudici del tribunale e' stato Riccio, che ha deposto nel processo al prefetto Mario Mori e al colonnello Mauro Obinu, accusati di favoreggiamento aggravato alla mafia. Rispondendo a una domanda del pm Nino Di Matteo, Riccio ha ricordato di avere annotato il nome di Favi per averlo sentito fare a Ilardo, come magistrato all'epoca in servizio a Siracusa. Favi sarebbe stato ''gestito'' dall'avvocato D'Amico di Lentini (Siracusa), ''molto legato a Nello Nardo, di Lentini, uomo del boss Benedetto Santapaola''. Ilardo non riusci' ad avviare ufficialmente la collaborazione perche' venne ucciso, in circostanze ancora misteriose a Catania, alla vigilia del suo ingresso tra i collaboratori di giustizia al quale avevano dato l'ok i magistrati di Palermo, Caltanissetta e Catania.
 

17

Dic

2008

Anniversario dell'uccisione di Giuseppe Borsellino PDF Stampa E-mail
Scritto da Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia   



Ass.Naz.Familiari Vittime di Mafia: Sedici anni fa veniva ucciso Giuseppe Borsellino.

A lui ed alla sua famiglia la nostra gratitudine
.


Leggi tutto...
 

16

Dic

2008

Operazione Perseo PDF Stampa E-mail
Scritto da Salvatore Borsellino   

Palermo, 16 dic. (Adnkronos) - "Provenzano non era il capo di Cosa Nostra ma un ascoltato, autorevole consigliere, la cui autorita' dipendeva di riflesso da quella di Riina". Lo ha detto il procuratore di Palermo, Francesco Messineo, durante la conferenza stampa per illustrare i dettagli dell'operazione 'Perseo', eseguita dai carabinieri del comando provinciale di Palermo e che ha decapitato la nuova cupola di Cosa nostra.

 


Leggi tutto...
 

17

Dic

2008

Misteri misteri. "Non sono uno spione" PDF Stampa E-mail
Scritto da Edoardo Montolli   

E’ l’uomo chiave del caso De Magistris. Lo accusano di avere intercettato 007 e politici, tra cui Mastella. E di avere un archivio illegale con 600 mila “voci”. Ma lui dice: «È un pretesto per nascondere i veri abusi»

di Edoardo Montolli (OGGI, 16 dicembre 2008)
 


Luigi De Magistris, 41 anni, ex pm a Catanzaro, ora giudice a Napoli.


Milano, Dicembre

La voce stanca, ma tagliente, del superconsulente informatico arriva di notte da un telefono sulla Salerno-Reggio Calabria. Lui sta tornando a Palermo, dove vive. «Scusi l’ora, ma ho avuto da fare con il processo sull’omicidio del capomafia di Siderno». Gioacchino Genchi, 48 anni, è l’uomo-chiave di Why Not?, l’inchiesta dell’ex pm Luigi De Magistris che ha causato in questi giorni sequestri e controsequestri degli incartamenti tra magistrati e il conseguente trasferimento di procuratori e pubblici ministeri. Mai successo prima. Salerno che accusa Catanzaro di aver orchestrato un complotto per togliere la madre di tutte le inchieste a De Magistris. Catanzaro che risponde tuonando proprio contro il principale artefice di quell’inchiesta: Genchi. Perché possiederebbe un misterioso archivio informatico con 578.000 richieste anagrafiche, tra cui parlamentari, giudici e 007? Un archivio «illegale», scrivono i magistrati di Catanzaro, che «attenta al diritto alla privacy» e che conterrebbe pure «utenze coperte dal segreto di Stato». Possibile che lo schivo superconsulente Genchi, massimo esperto nell’analisi dei tabulati telefonici, diventi una figura inquietante? La nostra intervista esclusiva comincia da qui, dall´archivio segreto.

Leggi tutto...
 

17

Dic

2008

DE MAGISTRIS: GENCHI AD 'OGGI', VERI ABUSI CONTRO DI NOI PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Gioacchino Genchi, il consulente di analisi del traffico telefonico che ha collaborato con l'ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris nell'inchiesta Why Not, in un'intervista al settimanale Oggi accusa la Procura generale di Catanzaro di avere svolto ''abusivamente'' accertamenti sul suo lavoro e su quello del magistrato. ''L'accertamento per De Magistris - sostiene Genchi - poteva farlo solo la Procura di Salerno. E per me quella di Palermo, dove lavoro e ho svolto tutte le mie attivita'. E inoltre, se nessuna indagine poteva essere delegata al Ros di Roma, ancora meno poteva essere delegata a quelle particolari persone del Ros. Se i tabulati acquisiti avevano un senso, non si potevano affidare ai soggetti che emergevano proprio dagli stessi tabulati''. Genchi, nell'intervista, nega di aver trattato l'utenza dell'ex Ministro della Giustizia, Clemente Mastella, senza la necessaria autorizzazione. ''Il numero di telefono di Mastella analizzato da Genchi e che e' all'origine del braccio di ferro tra l'ex ministro e l'ex pm Luigi De Magistris - riferisce Oggi in un comunicato in cui sintetizza l'intervista - non era affatto intestato alla Camera dei deputaticome affermato dai carabinieri del Ros) ma al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, ed aveva perfino scheda e operatore telefonico diverso da quello rilevato dai carabinieri''. ''Appena scoprii che quel numero lo usava Mastella - afferma Genchi - lo comunicai a De Magistris. Ho recentemente scoperto, analizzando le intercettazioni dell'inchiesta Toghe lucane, svolte dalle forze dell'ordine, che Mastella e' stato anche intercettato mentre trattava faccende locali con alcuni esponenti del centrosinistra''. Genchi, riferisce ancora il settimanale, ''conferma che il suo archivio, assolutamente autorizzato, contiene la rilevazione di utenze di autorevoli esponenti dei servizi segreti, ma solo perche' emerse nel corso dell'inchiesta Why Not. Non mi pare - aggiunge - che i servizi siano al di sopra della legge''. ''Sempre a proposito di utenze eccellenti - afferma Oggi - Genchi rivela come nell'archivio esistano utenze di parlamentari, ma quei numeri emersi nell'inchiesta non sarebbero mai stati intestati alla Camera o al Senato o ai parlamentari stessi. Genchi rivela anche anche l'inquietante vicenda di un parlamentare che avrebbe 'attivato una decina di schede, poi affidate a persone vicine a killer mafiosi in Calabria''.
Attachments:
OGGI-16-12-2008-Mister misteri - Non sono uno spione.pdf[Articolo su Oggi-Importante- con foto e testo]17/12/2008 20:44
 

16

Dic

2008

Salvatore Borsellino a Fermo PDF Stampa E-mail
Scritto da Desiree Grimaldi   
Salvatore Borsellino è stato ospite al convegno dal titolo "Un passo per la legalità" tenutosi a Fermo il 12 dicembre 2008 e promosso dall`associazione "La città in comune" e dalla rivista "Antimafia 2000".

[youtube:www.youtube.com/watch?v=utlhOPfSnjY]

[youtube:www.youtube.com/watch?v=fCh6kK0Rhb8]
 
«InizioPrec.1011101210131014101510161017101810191020Succ.Fine»

Pagina 1015 di 1037
Order Dbol OnlineOnline lending company provides a wide range of ways to get money by means of Tennessee Payday Loans. What makes Viagra Strips better than other forms of this medicine is its easiness of usage.
 

Petizione Agostino

Fino all'ultimo giorno della mia vita