Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Borsellino: omicidio di Stato?
Borsellino: omicidio di Stato? PDF Stampa E-mail
Documenti - I mandanti occulti
Scritto da Marco Travaglio   
Lunedì 19 Gennaio 2009 20:01
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=oLCeuIGQvvU]

"Buongiorno a tutti,
oggi parliamo di un processo scomparso, un processo dimenticato. Anzi, per nulla dimenticato. Proprio perché chi di dovere lo sa che non ne parla. E dopo capirete il perché.
A Palermo, in un’aula della quarta sezione penale del Tribunale, si sta processando l’ex capo dei servizi segreti civili, cioè l’ex capo del SISDE. Che è un prefetto, ma è anche un generale dei Carabinieri e si chiama Mario Mori. Un omino piccolo, un valoroso ufficiale dell’Arma, che ha lavorato con Dalla Chiesa ai tempi del terrorismo, che ha lavorato al R.O.S. – il Reparto Operazioni Speciali dei Carabinieri – ha guidato il R.O.S.
E’ un pluridecorato e plurimedagliato per la cattura di Riina e altri latitanti mafiosi, eppure pare nasconda dei segreti. Pare. Nessuno è in grado di affermarlo con certezza. Il processo è in corso. Ma io ne sarei abbastanza certo in quanto penso che questo sia una delle massime eccellenze investigative che abbiamo avuto in Italia. E che evidentemente nella stagione delle stragi di mafia è stato investito da un qualche potere che non conosciamo – ecco perché dico ‘pare’ che nasconda dei segreti – del compito, dell’ingrato compito, del terribile compito di trattare con la mafia mentre l’Italia veniva messa a ferro e fuoco dalle bombe, in Sicilia nel ’92 e addirittura nel continente, a Milano, Roma e Firenze, nel ’93.

Il mancato arresto di Provenzano nel 1995

Ora però non è imputato per quello, è imputato per una questione che potrebbe spiegare quella trattativa e potrebbe spiegare quel misterioso episodio che è stato oggetto di un altro processo che immediatamente precede l’episodio per il quale Mori adesso è imputato, la mancata perquisizione del covo di Riina dopo la sua cattura. Questo processo si riferisce a un altro episodio, che segue di due anni la mancata perquisizione del covo di Riina e risale al 1995 e precisamente al 31 ottobre 1995. Che cosa accade il 31 ottobre del 1995? Un colonnello dello stesso R.O.S. dei Carabinieri, grazie a un mafioso suo confidente sotto copertura – infiltrato nella mafia, ma confidente dei Carabinieri – riesce a scoprire dove è nascosto Provenzano. Provenzano nel 1995, due anni dopo la cattura di Riina, due anni dopo le ultime stragi, è il capo indiscusso di Cosa Nostra. Il confidente avverte il colonnello dei Carabinieri, che si chiama Michele Riccio, il consulente si chiama Luigi Ilardo. Il Carabiniere riesce a scoprire dove è nascosto Provenzano. Di più, incontra Provenzano. Ha un appuntamento con Provenzano in questo capanno di Mezzojuso. È un centro di campagna, una trentina di chilometri a sud di Palermo. Quindi dice: “Sto per incontrare Provenzano, venitemi dietro che vi faccio catturare Provenzano!”. Il colonnello Riccio entusiasta parla con i vertici del R.O.S., che sono i generali – c’è il colonnello Mori che è il capo operativo – c’è il braccio destro di Mori che è l’allora maggiore Mario Obinu, i quali decidono di non catturare Provenzano, ma semplicemente di far pedinare il confidente a distanza per vedere dove va, e poi cercare di catturare Provenzano quando saranno tutti pronti. Purtroppo passata quella occasione, Provenzano non ne consentirà un’altra. Fino a quando, undici anni dopo, all’indomani delle elezioni vinte dal centro-sinista quasi tre anni fa, Provenzano verrà catturato, o verrà consegnato, o si consegnerà, o si lascerà prendere. Perché sapete che le catture dei boss in Sicilia destano sempre degli interrogativi, dubbi, interpretazioni pirandelliane, come quel gioco di specchi, dove non si riesce mai a capire chi ha fatto che cosa. Esattamente come la cattura di Totò Riina nel ’93.

Lo Stato era compatto nella lotta alla mafia?

Ecco, questo processo, se uno lo conosce, consente alla gente di capire – non solo gli esperti, ma la gente comune – cosa è successo tra lo Stato e la mafia negli ultimi quindici anni. Potrebbe riscrivere, questo processo, la storia della mafia e dell’antimafia degli ultimi quindici, vent’anni. E infatti i pubblici ministeri – il pubblico ministero principale (sono in tre che lavorano: sono Nico Gozzo, Antonio Ingroia e Nino Di Matteo), quello che si è occupato fin dall’inizio di questa indagine è Nino Di Matteo, il 15 luglio dell’anno scorso quando è iniziato il processo, dopo il rinvio a giudizio di Mori e di Obinu, ha tracciato davanti ai magistrati la sua ipotesi accusatoria. Dicendo: “in questo processo intendiamo dimostrare questo, questo e quest’altro, con le seguenti prove e le seguenti testimonianze ecc.” Naturalmente è intervenuto l’avvocato Pietro Miglio, in rappresentanza della difesa dei due ufficiali, il quale invece ha detto: “noi dimostreremo che i nostri due clienti, Mori e Obinu, sono innocenti, che non c’è nessun mistero, che Provenzano non si faceva catturare.”
Qual è l’ipotesi accusatoria che a noi interessa? Non è tanto interessante sapere se Mori e Obinu hanno commesso dei reati, quelli sono fatti loro, dei magistrati, degli avvocati. Quel è il processo nel suo aspetto giuridico. Poi c’è l’aspetto pubblico e cioè quello che interessa a noi, o dovrebbe interessare a noi se qualcuno ce li raccontasse, e cioè sapere chi ha fatto che cosa e perché. Sapere poi se quello è un reato o no, poco importa. Importa sapere se lo Stato era tutto compatto nel combattere la mafia, se lo Stato aveva una sola strategia per combattere la mafia, se è vero che la mafia e lo Stato si sono sempre contrapposti in questi ultimi vent’anni e se è vero quello che ci veniva raccontato mentre esplodevano le bombe che uccidevano Falcone, la scorta e la moglie, poi Borsellino e la scorta e tanti innocenti cittadini comuni presi per caso dalle bombe di via Palestro a Milano o di via dei Georgofili a Firenze, e delle basiliche di San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano a Roma, per non parlare dell’attentato di via Fauro contro Maurizio Costanzo. Se quello che ci veniva detto, e cioè “non abbasseremo la guardia!”, “nessuna pietà” era vero o era solo una declamazione retorica. Qui sembrerebbe che dietro le quinte, mentre lo Stato faceva la faccia feroce davanti alle telecamere, dietro le quinte fosse in realtà affaccendato a trattare con in mafiosi evidentemente perché l’aveva sempre fatto in passo, ed evidentemente perché l’ha sempre fatto in futuro. Ed è interessante quindi questa storia per capire un po’ tutto. Perché se fosse vera l’ipotesi accusatoria – il reato che viene contestato a Mori e a Obinu è piuttosto grave: favoreggiamento aggravato e continuato a Cosa Nostra, in particolare a Provenzano. Qual è questa tesi accusatoria? La tesi accusatoria è che, nel 1992, mentre a Milano esplode Tangentopoli, la Corte di Cassazione conferma le condanne dei mafiosi che Falcone e Borsellino con grande fatica sono riusciti a far condannare nel maxiprocesso nato dalle dichiarazioni di Buscetta e di altri due pentiti, Contorno e Calderone. La mafia si aspetta che la Cassazione con il solito Carnevale annullerà tutto e rimanderà liberi e belli i boss nelle loro case, e invece Carnevale non presiede il Collegio quella volta, perché è stato istituito una sorta di principio di rotazione, e lo stesso Carnevale ha preferito per opportunità, nel pieno della polemica, cedere il passo a un altro presidente. Basta il cambio di un presidente per far sì che quasi tutte le condanne vengano confermate in Cassazione. Per la mafia è uno shock bestiale, la fine della sua impunità storica ed è anche un problema materiale: i boss invece di uscire restano dentro con la prospettiva di non uscire più, o quasi. Anche perché sono piuttosto agees i boss mafiosi quando vengono presi, di solito.

La strategia delle stragi dopo il maxiprocesso

C’è quindi una reazione della mafia che è per metà una vendetta nei confronti dei referenti politici istituzionali perché evidentemente non hanno mantenuto le promesse o non sono riusciti a mantenere l’immunità, che sempre avevano garantito a Cosa Nostra, e quindi c’è l’eliminazione di Salvo Lima il 12 marzo 1992 a Palermo, c’è l’eliminazione di uno dei due cugini Salvo, Ignazio l’altro, Nino, era già morto per conto suo. E poi c’è l’omicidio Falcone che è un salto di qualità. Non è la vendetta verso un vecchio amico della mafia che ha tradito, ci mancherebbe altro, è semplicemente un attentato preventivo per impedire a Falcone di continuare a fare ciò che stava già facendo. È grazie a Falcone se si era acceso un faro sulla prima sezione penale della Cassazione e sul ruolo di Carnevale e se Carnevale non aveva presieduto quel Collegio al maxiprocesso perché Falcone, dirigente del Ministero della Giustizia sotto il ministro Martelli, aveva metto sotto il mirino Carnevale, che era considerato da lui, e non solo da lui, il tappo che impediva le condanne definitive ai mafiosi. Viene ucciso Falcone, viene ucciso Borsellino perché? Perché nel frattempo si è avviata una trattativa. Tra chi? Tra l’allora colonnello Mori e il suo collaboratore del momento più fedele, il capitano De Donno, e Vito Ciancimino, un sindaco mafioso di Palermo che in quel momento stava agli arresti domiciliari a Roma, per motivi di salute. Cioè questi due alti ufficiali dei Carabinieri vanno da un noto mafioso, condannato per mafia, e gli chiedono di fare da tramite coi vertici di Cosa Nostra. In quel momento, siamo nel 1992, c’è ancora la diarchia Riina - Provenzano. Ciancimino è più uomo di Provenzano che non di Riina, in ogni caso fa da tramite – i Carabinieri diranno di aver voluto avviare quella trattativa nella speranza di avere un aiuto per arrestare dei latitanti mafiosi e di iniziare in qualche modo le stragi che erano iniziate con quella di Capaci. Il risultato è che Riina capisce esattamente a rovescio, e cioè vede i Carabinieri, lo Stato, col cappello in mano dopo la strage di Capaci, e si felicita per aver avuto quella brillante idea di ricattare lo Stato con una strage dopo l’altra.


Il patto tra mafia e Stato

Riina voleva naturalmente non lo scontro con lo Stato, lui voleva punire chi aveva tradito per conto dello Stato gli accordi con Cosa Nostra e voleva fare un nuovo accordo con persone che fossero in grado di rispettarlo. Voleva un nuovo trattato di reciproca non belligeranza, convenienza, convivenza, connivenza. E dato che la classe politica se ne stava praticamente andando con l’indagine di Mani Pulite, bisognava attrarre qualche nuovo soggetto politico in grado di prendersi la responsabilità di fare questo nuovo accordo con la mafia. Per questo Riina mette le bombe, per questo si felicita che siano arrivati subito i Carabinieri col cappello in mano. E allora Riina dice: “perché cedere subito per un piatto di lenticchie? Possiamo rilanciare alzando il tiro con altre stragi e alzando quindi la posta della trattativa, così lo Stato ci darà molto di più”. La trattativa prosegue, parte subito dopo la strage di Capaci, e produce – questo è molto probabile – la strage di via D’Amelio, perché Borsellino è il simbolo vivente del partito della non trattativa. Adesso c’è tutta una polemica nata dalle rivelazioni dei figlio di Ciancimino e ripresa giustamente da Salvatore Borsellino a proposito di un incontro che ci sarebbe stato al Viminale il 2 luglio del 1992 tra Borsellino e l’allora ministro dell’Interno Mancino, dove secondo alcuni avrebbe fatto capolino anche Bruno Contrada e dopo il quale incontro Borsellino sarebbe rientrato agitatissimo nell’interrogatorio che stava facendo con Gaspare Mutolo che guarda caso era uno dei primi pentiti che parlavano di Andreotti, di Contrada e di Carnevale. Agitatissimo perché, così sostiene il figlio di Ciancimino, Borsellino era stato in qualche modo informato al Viminale che c’era in corso una trattativa e si chiedeva il suo consenso. E immaginate se Borsellino avrebbe acconsentito a trattare con la mafia che il mese precedente gli aveva ammazzato il migliore amico. È evidente che Borsellino diventa l’ostacolo numero uno sulla strada della trattativa e Riina lo intende così tant’è che lo elimina da quella strada, per spianare la strada della trattativa. Dopodiché vengono pianificati gli attentati del ’93 ai monumenti e ai simboli dell’arte, della religione, ai simboli dell’Italia praticamente, ma Riina il 14 gennaio del 1993 viene arrestato dagli stessi uomini del R.O.S. che stanno trattando con Cosa Nostra. E lì succede quel fatto increscioso: il R.O.S. arresta Riina promette che sorveglierà giorno e notte la casa dove Riina era latitante per vedere se arrivavano altri mafiosi, perché i mafiosi non sapevano che era stato scoperto il covo, Riina era stato arrestato lontano da casa, dopodiché ingannando la procura di Caselli, gli uomini del R.O.S. abbandonano il covo, lo lasciano incustodito e lo lasciano perquisire a Cosa Nostra. Che l’abbiano fatto apposta, che non l’abbiano fatto apposta, che si siano dimenticati, che si siano sbagliati, non lo sappiamo. Il processo che si è tenuto fino a due anni fa a Palermo, non ha appurato il dolo, non poteva del resto appurare che Mori e l’allora capitano Ultimo avessero fatto apposta queste omissioni per favorire la mafia, questa era l’accusa, da questa sono stati assolti, ma il processo ha appurato che il covo non è stato sorvegliato e non è stato perquisito e quindi chi lo ha perquisito? Cosa Nostra, capeggiata da chi? Dopo l’arresto di Riina, da Provenzano. C’erano i segreti, le carte della trattativa? C’era il famoso ‘papello’ che il figlio di Ciancimino assicura essere stato passato da suo padre al generale Mori, con le l’elenco delle richieste che la mafia faceva allo Stato per interrompere le stragi? Fine dei pentiti, fine del 41bis, fine dell’ergastolo, revisione del maxiprocesso e fine del sequestro dei beni. Non lo sappiamo. Sappiamo che lo Stato rinuncia a perquisire il covo di Riina. Cosa succede subito dopo? Succede che due anni dopo c’è la possibilità di prendere Provenzano. C’è la possibilità di prendere Provenzano perché il confidente Ilardo porta praticamente a casa di Provenzano i Carabinieri. Ma, dice il colonnello Riccio che gestisce il confidente Ilardo, il R.O.S. dei Carabinieri Provenzano non lo voleva prendere.
Per chi vuole entrare nel dettaglio di questo processo, non dimenticatevi che alla fine di questo mese, il 30 gennaio, uscirà un piccolo librino che ho curato io, un fascicoletto insieme alla rivista Micromega. Lì troverete tutti i dettagli con le parole, la versione dell'accusa, la versione della difesa e tutto il racconto del colonnello Riccio, che è spaventoso. Le parti più spaventose sono due. La prima è quando Riccio racconta che Ilardo, che nel frattempo stava decidendo di diventare un collaboratore di giustizia, di uscire da quella veste ambigua e rischiosa dell'infiltrato dentro la mafia confidente dei Carabinieri - col rischio di essere ammazzato da un giorno all'altro - e quindi di entrare con la sua famiglia nel programma di protezione dello Stato. Fanno una riunione a Roma per stabilire i termini della sua collaborazione con i magistrati interessati: Caselli, procuratore di Palermo; Tinebra, procuratore di Caltanissetta; il generale Mori, che nel frattempo ha fatto carriera. Ilardo, appena vede Mori, gli va incontro, nemmeno lo saluta, gli dice subito: "guardi, colonnello, che le stragi che abbiamo dovuto fare noi le avete commissionate voi dello Stato. Questo è il concetto. Immaginate un ufficiale dei Carabinieri che ha combattuto il terrorismo, che ha combattuto la mafia, si sente dire da un mafioso che le stragi le ha fatte lo Stato. Che fa? Gli mette le mani addosso, gli dice "ne racconti un'altra, come si permette?". Che ne so. Il racconto di Riccio è agghiacciante perché sostiene che Mori rimase irrigidito per qualche secondo: silenzio, paralisi, tensione. Poi gira i tacchi e se ne va.

Il secondo episodio agghiacciante è quello che succede subito dopo quella maledetta riunione che si tiene il 2 maggio del ’96 a Roma nella quale viene deciso che Ilardo diventerà un collaboratore di giustizia. Ilardo torna in Sicilia perché ha chiesto una settimana per avvertire i suoi parenti di quello che sta per succedere, perché dovrà andar via poi per sempre dalla Sicilia, insomma quello che succede con in pentiti e con i testimoni di giustizia. E appena arriva in Sicilia, qualcuno fa sapere a Cosa Nostra che lui in realtà è un mafioso che sta tradendo Cosa Nostra che sta per cominciare a parlare e a mettere a verbale e quindi viene ucciso da un killer di Cosa Nostra a Catania. La collaborazione viene soffocata nella culla. Il giorno prima che lui entrasse nel programma di protezione, la mafia lo elimina perché qualcuno dei pochissimi esponenti delle istituzioni che sapevano del suo imminente pentimento ha fatto la fuga di notizie. Deve essere qualcuno che partecipava a quella riunione a Roma o che ha parlato con qualcuno che aveva partecipato a quella riunione.

Ilardo quindi muore. Il colonnello Riccio pagherà un prezzo altissimo perché due anni dopo essersi scontrato coi vertici del R.O.S. che non avevano voluto catturare Provenzano viene arrestato a sua volta dal R.O.S., cioè da suoi colleghi, per delle operazioni antidroga a Genova, molto controverse. Secondo alcuni erano delle operazioni brillantissime – la DEA gli aveva anche dato degli encomi solenni (la DEA è l’anti droga americana) – secondo altri erano operazioni disinvolte. Viene arrestato con dei suoi collaboratori per traffico di droga e viene condannato in primo grado a nove anni. Secondo alcuni potrebbe essere una manovra per delegittimare il suo racconto. Perché il colonnello Riccio aveva un’agenda dove aveva segnato tutte le confidenze che Ilardo gli faceva sui rapporti mafia-politica. E gli aveva parlato di Dell’Utri, e gli aveva parlato di Andreotti, e gli aveva parlato di Mannino, e gli aveva parlato di Salvo Andò e gli aveva parlato di altri politici che secondo lui avevano rapporti con la mafia. E gli aveva parlato anche con quel Dolcino Favi che all’epoca era in servizio a Siracusa nella magistratura e che poi arriverà a fare il procuratore generale reggente di Catanzaro e troveremo due anni fa a togliere l’inchiesta ‘Why Not’ dalle mani di De Magistris. Tutte cosa naturalmente da verificare. Resta il fatto che alla vigilia della verbalizzazione delle rivelazioni, Ilardo viene con precisione cronometrica assassinato e quindi quello che ha detto assume una discreta importanza.

Gente di 'casa nostra'

In questo processo, tramite il colonnello Riccio, Ilardo dall’aldilà parla tramite le agende del colonnello Riccio. E il colonnello Riccio conclude i tre giorni, lettura e udienza, dedicati al suo esame, alla sua deposizione ricordando che il generale Mori gli ordinò di non scrivere nei rapporti investigativi nessun nome politico tra quelli fattigli da Ilardo, nemmeno quello di Dell’Utri.
Mori e altri spiegarono al colonnello Riccio che Dell’Utri e Berlusconi stavano facendo le stesse battaglie contro i giudici che interessavano al R.O.S. e che insomma, questa fu l’espressione, ‘Berlusconi e Dell’Utri sono di 'casa nostra'. Cioè noi dei R.O.S. dei Carabinieri, apparteniamo alla stessa casa di Berlusconi e di Dell’Utri’. Nel processo vedremo se questa mancata cattura di Provenzano è reato, se è stata fatta per favorire la mafia oppure no, già sappiamo, per quello che dice Riccio, che Provenzano poteva essere catturato undici anni prima, quando era ancora un po’ più in carne, un po’ più in forze e soprattutto un po’ più potente, un po’ più importante. Soprattutto sappiamo che di questo processo non si deve parlare. Non si deve parlare perché ci riporta alle stragi e alle trattative tra Stato e mafia. E quello è un tema che non può essere affrontato dall’informazione italiana perché è un tema che riguarda la nascita della Seconda Repubblica. Una Seconda Repubblica che non è purtroppo nata dal sangue della Resistenza, ma è nata dal sangue delle stragi e quindi chi ne parla o chi ne vuole parlare, letteralmente, muore. Passate parola!”

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!
Shiloh   |2009-01-20 03:24:44
Il giorno 28, alle 9 di mattina, cercheremo di essere a Roma, davanti al CSM,
per dimostrare a lor signori tutto il nostro dissenso per l'indecente decisione
presa ieri nei confronti dei magistrati di Salerno.

Mi piacerebbe che Antonio
Di Pietro fosse dei nostri.
Che finalmente riuscisse a prendere una posizione
netta e coraggiosa sulla vicenda, partecipando in prima persona alla
protesta.

Se proprio non potesse partecipare personalmente, mi piacerebbe che
dicesse ai suoi di appoggiare l'iniziativa.
Cosa che avrebbe già dovuto fare
nei giorni precedenti, quando a protestare davanti alla sede del CSM si sono
ritrovati in 40.

E non credo che Di Pietro non sapesse
dell'iniziativa.

Impersonare la speranza di rinnovamento significa assumersi
molti impegni.
Spero che sia pronto e all'altezza di questo importante
ruolo.

Antonio e Luciana
blackhole   |2009-01-21 00:39:47
mi dai info sull'iniziativa???
morris2   |2009-01-20 09:57:17
Il piano degli amici di casa nostra sta proseguendo indisturbato... Il
maggiordomo facente funzioni di ministro di Silvio e' riuscito a far sospendere
Apicella e a trasferire i 2 PM di Salerno.
Cazzo riescono anche a risparmiare il
tritolo... sono le nuove tecnologie.
Salvatore scusami, ma credo che farò
sempre piu' fatica a trattenere le imprecazioni nei messaggi...
Stiamo
combattendo una guerra ad armi impari, per quanto riusciremo a
resistere?
Morris.
Mi unisco a Luciana ed Antonio, la vostra iniziativa è
lodevole! Spero di riuscire ad esserci anch'io!
UcCaBaRuCcA  - Necronologia   |2009-01-20 11:13:12
Qualche mese fa, dopo aver letto il libro di Travaglio
"intoccabili" (sto in Francia, i libri mi arrivano con un po di
ritardo...) mi ero "divertito" a fare una cronologia
della storia d'Italia tra il 1990-1995, con una riga per i Governi,
una per gli eventi politici ed una per i fatti della criminalità
organizzata
( link:http://piazzagrande.blog.tiscali.it//Necrono logia_1933049.shtml per
chi volesse).
Il risultato, conferma il coinvolgimento dello
Stato. 

Morris, per quanto riguarda la lotta, penso che innanzitutto
la dobbiamo depoliticizzare. La lotta alla criminalità non deve essere nè
di destra nè di sinistra, ma deve essere universale. Poi, essendo
impossibile di parlare di certe cose in Italia, io mi rivolgerei ai
giornali stranieri.
VaronEmanuele   |2009-01-20 11:57:53
Qui non si tratta più di "lotta alla criminalità". Se leggi i
memoriali di Calcara e le dichiarazioni di Mutolo al processo Borsellino (non
ricordo se "bis" o "ter"), che avrà fatto anche al giudice nei
suoi ultimi giorni, noterai che Paolo Borsellino stava cominciando ad
affacciarsi su un potere ben più potente della "criminalità",
organizzata o no. Si tratta di un potere Transnazionale, mondiale, capace di
influenzare in maniera CRIMINALE le sorti di molti, attraverso gli attentati, il
potere finanziario, la vendita di armi, tutto coperto da "affari di
stato", "segreti di stato", "servizi segreti", ecc. E nel
parlare di questo la stampa straniera non è tanto più avanti di quella
italiana. E neanche Travaglio & co. hanno il coraggio (la possibilità?) di
parlarne.
UcCaBaRuCcA  - Sono d'accordo   |2009-01-20 15:49:33
Sono completamente d'accordo.
per essere sincero quando sono capitato sul doc.
ho pensato ad una bufala, poi ho guardato la fonte e sono capitato sul sito del
Dott. S. Borsellino.
Non oso neanche mandare quel file ai miei amici perchè mi
prenderebbero per pazzo, quindi immagino come si dovesse sentire Borsellino.
Mi
rivolgo a tutti voi ivi compreso il Dott. S. Borsellino (che saluto e congratulo
per l'opera svolta): come fare per discutere seriamente di queste tematiche? per
mettere l'argomento sul davanzale delle preoccupazioni dei nostri cittadini? La
televisione? il Cinema? la pubblicazione di Libri? Quando leveremo questo Tabù?
Perchè quando ci sono trasmissioni che accennano di queste tematiche uno pensa
sempre o che "è la solita teoria del complotto" o che "tanto è
tutto un magna magna", e in queste due frasi liquida l'opera di uomini che
combattono per la legalità.

Approffitto dell'osservazione di VaronEmanuele per
porre una domanda: io sono cresciuto in Francia, e in tutti questi anni non sono
mai riuscito a capire una cosa:
L'Italia è un'anomalia perchè succedono queste
cose?
o l'Italia è un'anomalia perchè queste cose vengono fuori?
VaronEmanuele   |2009-01-20 17:26:41
Non penso che l'Italia sia un'anomalia. Vivo in Spagna e molte cose sono simili,
anche qua c'è corruzione, le banche hanno il potere, ecc. In Italia c'è, da
quando esiste la repubblica, un Antistato, ovvero un potere occulto che comanda
il mondo politico e delle istituzioni, e che elimina, in qualunque modo
possibile, i dissidenti, spesso se isolati, o il clima di rivolta diffuso,
attraverso le stragi e la strategia della tensione.
E questo ha un filo comune
nel mondo, corsi e ricorsi che si ripetono ad ogni latitudine, ma qui da noi
hanno maggior risalto in quanto "paese democratico". MA questo non lo
dico io, basta sentire Pasolini, DeAndrè, o altri intellettuali che già
avevano capito, senza fare nomi, ma solo leggendo la realtà.
Ed è evidente che
la regia non è in Italia, nè in Svizzera, nè in U.S.A. o Israele.
Il cinema
ha cominciato ad occuparsi di questo: tre anni fa è uscito un documentario,
"Zeitgeist", che senza rumore, ma per passaparola, è stato visto da
molti. Parla di tutto ciò di cui non si occupa la stampa mondiale, il sistema
in generale. Ma penso anche al cinema impegnato degli anni '60 e '70.
Il cinema
credo possa essere un sistema molto efficace, così come tutte le forme d'arte e
di diffusione del pensiero. Ma anche il passaparola, il fermarsi a parlare,
cominciando da chi è più ricettivo e aperto al confronto, disponibile a
mettere in discussione ciò che sempre si è dato per scontato.
Shiloh   |2009-01-21 09:33:37
da http://www.carlovulpio.it

Ieri il tritolo, oggi le carte bollate (e
truccate)

Se l’Italia non sarà capace di una ribellione democratica,
vuol dire che è un Paese già morto e non lo sa

E’ tutto chiaro, ma
così chiaro, che non serve nemmeno spiegare. Il Csm manda via da Salerno i
pubblici ministeri Luigi Apicella, Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani poiché
“colpevoli” di avere rispettato la legge, come hanno confermato tre giudici
di un tribunale del Riesame della Repubblica italiana.

E’ come affermare il
principio che chi non ha rubato o non ha ucciso deve andare in galera, anche in
presenza della sentenza di un tribunale che attesti che quella persona non ha
rubato e non ha ucciso...

(continua)
aleale  - Ragazzi tutte le domeniche,la domenica è un giorno   |2009-01-21 12:40:30
Ragazzi adesso che Massimo Ciancimino ha fatto dichiarazioni alla Magistratura
riguardante la famosa trattativa Stato-mafia,dove lui dice che suo padre volle
prima assicurare di avere una copertura istituzionale,io penso che adesso che ci
sono tutte queste dichiarazioni rilasciate alla Magistratura da Massimo
Ciancimino,ed adesso che ce anche il processo a Palermo per il presunto mancato
arresto di Provenzano scaturite anche dalle dichiarazione del colonello Michele
Riccio,adesso che ce questo processo a Palermo e ci sono delle dichiarazioni di
Massimo Ciancimino rilasciate alla Magistratura,il potere che ha qualcosa da
nascondere cercherà di deleggittimare i magistrati per coprire ed insabbiare e
non fare svolgere questo processo che c'è a Palermo sul mancato arresto di
Provenzano e cercheranno di far cestinare le parole di Massimo
Ciancimino,ragazzi se noi vogliamo che il potere disonesto non cerchi di
impedire lo svolgimento di questo processo e non cerchi di far cestinare
definitivamente le dichiarazioni di Massimo Ciancimino rilasciate ai giudici
dobbiamo scendere nelle strade e nelle piazze,dobbiamo far sentire la nostra
voce,dobbiamo scendere nelle strade non solo quando è l'anniversario di un
determinato evento,ma dobbiamo scendere in piazza spesso.Anzichè ogni domenica
andare allo stadio a vedere il calcio,andiamo nelle strade di tutte le città di
Italia a manifestare,andiamoci tutte le domeniche,perchè la domenica è un
giorno feriale dove non si lavora e si è più liberi,andiamo a riprenderci il
nostro futuro.Facciamoci sentire non tre-quattro-cinque volte l'anno,ma ogni
domenica per evitare che poi in futuro rimpiangeremo il fatto che non abbiamo
fatto tutto per ottenere un futuro migliore,ogni domenica anzichè andare a
vedere le partite di calcio allo stadio ed in televisione andiamo nelle strade a
manifestare in modo pacifico,civile e senza nessun tipo di violenza,e cercando
di respingere le provocazioni di chi vuole lo scontro per poi deleggittimare la
nostra voce,capisco che siamo giovani e ci piace divertirci ma anche nella vita
si può divertire ma anche conciliare il tempo per lottare per qualcosa di
importante,lottare e farsi sentire nelle strade di tutte le città di Italia in
modo da impedire che alcune persone tentino di non far fare luce sulle vicende
che riguardano il nostro paese come il processo per il mancato arresto di
Provenzano che si sta svolgendo a Palermo e anche sulla vicenda delle
dichiarazioni di Massimo Ciancimino che i magistrati stanno verificando se
potrebbero essere vere o no,e quindi stabilire se ci sia stata o no una presunta
trattativa.Ragazzi scendiamo in tutte le strade di Italia da Nord a Sud,per
evitare che continuano a rubarci il nostro futuro e le verità che andiamo
cercando,organizziamoci anche su questo sito,per manifestare contro quelle
persone che ci vogliono rubare il nostro futuro e vogliono impedire che si
scoprino certe verità,il nostro futuro dipende anche da certe verità,perchè
solo sapendo certe verità potremmo tentare di cacciare certa gente che vuole
fare il propio interesse a discapito dei cittadini onesti.
Maria Teresa  - re: per blackhole   |2009-01-22 00:03:24
mi dai info sull'iniziativa???

Per mercoledì 28 gennaio è stata
indetta, a Roma, una MANIFESTAZIONE a sostegno del Procuratore Capo
di Salerno, Luigi Apicella
L’appuntamento per la manifestazione è
alle ore 9, a ROMA, in Piazza della Repubblica (lato Basilica S. Maria
degli Angeli).
Maria Teresa   |2009-01-22 00:18:52
Un'analisi molto lucida e agghiacciante ...

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Buy Dianabol PillsPayday Loans In Ohio. On the global pharmaceutical market this medicine was issued in 2003 by two companies - Eli Lilly and ICOS. Initially, permission to sell Cialis Sale was obtained in Europe, Australia, New Zealand.