Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Viminale, il mistero del 1° luglio 1992
Viminale, il mistero del 1° luglio 1992 PDF Stampa E-mail
Documenti - I mandanti occulti
Scritto da Donato De Sena   
Venerdì 23 Gennaio 2009 21:46

Le testimonianze di Salvatore Borsellino, le accuse di Ciancimino jr, i vuoti di Mancino, un cambio repentino di Ministri, le carte dei processi. Dietro una data si nasconde uno dei più grandi misteri italiani degli ultimi decenni


“Escludo in maniera netta e categorica che lo Stato abbia trattato con esponenti della mafia: nessuno dei vertici delle Forze di Polizia me ne parlò nè chiese il mio parere, che sarebbe stato decisamente negativo, sull’apertura di una trattativa con la malavita organizzata, che negli anni Novanta era pericolosa, violenta e stragista”. L’attuale vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Nicola Mancino, già Ministro ai tempi della Democrazia Cristiana, successivamente Presidente del Senato durante l’esperienza di governo del centrosinistra ’96-2001, si difende con una lettera all’Espresso dalle accuse lanciate dal settimanale pochi giorni fa. Secondo quanto scritto in un articolo firmato da Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza “nei 56 giorni che separarono l’attentato a Giovanni Falcone da quello a Paolo Borsellino, l’allora Ministro degli Interni Mancino sarebbe venuto a sapere che pezzi dello Stato avevano intavolato una trattativa con Cosa Nostra per far cessare il terrorismo mafioso, in cambio di alcune concessioni legislative: prime fra tutte la revisione del maxiprocesso. Sarebbe stato uno dei protagonisti di quel negoziato, Vito Ciancimino, a chiedere alcune garanzie istituzionali, tra cui quella che Mancino venisse informato”. L’autore delle nuove rivelazioni ai pm di Palermo è Massimo Ciancimino, ultimo figlio dell’ex Sindaco del capoluogo siciliano Vito. Il padre fu condannato per favoreggiamento e concorso esterno in associazione mafiosa, il figlio lo è stato per “riciclaggio del tesoro accumulato dal padre in quanrant’anni di vita politico-amministrativa”. Stando al racconto di Massimo, che è l’unico testimone della trattativa avvenuta tra il padre e gli uomini del Ros Mario Mori e Giuseppe De Donno, Ciancimino “voleva essere sicuro che ci fosse una copertura istituzionale al negoziato” e avrebbe chiesto, scrive L’Espresso, “di informare il ministro Mancino degli incontri avviati tra Roma e Palermo”. La richiesta sarebbe stata poi esaudita.

PRIMO LUGLIO ’92 - E’ furioso Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, che si fa vivo dalle pagine di 19luglio1992.com pubblicando una foto della pagina della agenda grigia del giudice (non quella rossa misteriosamente scomparsa da via D’Amelio pochi minuti dopo l’attentato). Il giorno in questione è il primo luglio 1992, giorno in cui Nicola Mancino saliva per la prima volta al Viminale, e proprio in quella data sarebbe avvenuto un incontro tra il giudice Paolo Borsellino e Mancino. Secondo gli appunti dell’agenda, scrive Salvatore, Paolo sarebbe stato “nel pomeriggio di quel giorno, dalle 15 all 18.30 alla Dia ad interrogare Mutolo”, avrebbe incontrato “dalle 18.30 alle 19.00 il Capo della Polizia Parisi”, e “dalle 19.30 alle 20.00 Mancino” e sarebbe poi “tornato alle 20 alla Dia per proseguire l’interrogatorio di Mutolo, il quale dichiarò di avere notato in lui un nervosismo spinto al punto da mettere in bocca contemporaneamente due sigarette”. Secondo Salvatore, infatti, l’allora Ministro degli Interni “convocò nella sua stanza al ministero Paolo Borsellino mentre stava interrogando Gaspare Mutolo” per comunicargli “che lo Stato aveva avviato una trattativa con quella stessa criminalità organizzata che aveva da poco, nella strage di Capaci, massacrato Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta”. Dell’episodio si parla nel libro “La Trattativa (Mafia e Stato: un dialogo a colpi di bombe)” del giornalista Maurizio Torrealta, che analizza in toto la vicenda. Viene riportata la testimonianza del pentito Gaspare Mutolo, che racconta della telefonata ricevuta da Paolo Borsellino durante l’interrogatorio del primo luglio a Roma e dell’assenza di circa mezz’ora del giudice rientrato poi palesemente teso e nervoso dopo un incontro col numero tre del Sisde Bruno Contrada e il capo della Polizia Parisi. “Sai Gaspare, debbo smettere perché mi ha telefonato il Ministro, manco una mezz’oretta e vengo”, disse Paolo.

PASSAGGIO DI TESTIMONE - Ma c’è un risvolto in più nel libro. Spiegava l’autore: C’è un passaggio che è stato particolarmente analizzato nel processo di Caltanisetta: fu interrogato a Firenze il Ministro Scotti responsabile del 41-bis e di altre iniziative assieme al Ministro di grazia e Giustizia Martelli. Scotti racconta che per un cambiamento di governo lui, che era Ministro dell’interno, il primo luglio del 1992 si ritrova improvvisamente ministro degli Esteri. Non si capisce se per una trattativa in corso o per altri motivi, comunque improvvisamente viene cambiata la guida del Viminale. Dopo di che si inizia una specie di dialogo scandito dalle bombe. Un mistero quello del cambio repentino della guida del Ministero che infittisce ancora di più i fatti. Fu chiesto a Scotti durante il processo: Perché lei da Ministro degli Interni dimissionario, perché dimissionario un Governo, diviene Ministro degli Esteri? Ci fu una spiegazione del perché nel momento più caldo dell’offensiva mafiosa viene sostituito il Ministero degli Interni? Le diedero una spiegazione di questo?. La risposta fu un sorriso. Scriveva Torrealta: Leggendo questo passaggio del dibattimento si ha la netta sensazione che si stia parlando di qualche cosa di cui non si dovrebbe parlare e il sorriso del Ministro Scotti sembra essere l’unica risposta possibile ad una domanda alla quale sembra che non si debba rispondere. Certo una risposta ufficiale poi il Ministro la fornisce, ma le successive domande dell’avv. Li Gotti sull’esistenza o meno di una trattativa, sembrano suggerire che in quella direzione vada ricercata la ragione di quello strano sorriso.

OGGI – Dopo l’attentato a Falcone, Borsellino era un magistrato molto in vista in tv e sui giornali, oramai conosciuto al grande pubblico. Insomma, era uno che non poteva passare inosservato. Ma a Mancino sì, a quanto pare. “Nella mia agenda, anno 1992, primo luglio, non è annotato nessun incontro e non potevano esserci incontri prestabiliti: salivo per la prima volta al Viminale e una folla tra prefetti, funzionari, impiegati, amici, riempì il corridoio dal quale si accede all’ufficio del Ministro”, aveva affermato Mancino nella lettera. “Quel giorno ho stretto tante mani. Non ricordo Borsellino, ma non escludo di poterlo aver incontrato”, ripete qualche giorno dopo intervistato da Silvia Resta per Reality di TgLa7. La speranza di molti è che Mancino cambi atteggiamento e non voglia, come qualcuno (tra cui lo stesso Salvatore Borsellino) incomincia a sospettare, solamente “preconfigurarsi una linea di difesa nel caso in cui gli venisse contestata questa circostanza” (esistenza della trattativa). Vorrebbero che luce sia fatta su una vicenda che rischia di essere archiviata e consegnata alla storia semplicemente come uno dei tanti misteri italiani irrisolti degli ultimi decenni.

da www.giornalettismo.com

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!
art3costituzione  - LA COPERTURA DEL GOVERNO PIDUISTA   |2009-01-24 12:34:18
Ora è chiaro perchè il CSM ha accolto in toto le richieste di angelino-jolie.
Mancino è sotto ricatto della P2-goveno. E' spiegazione logica alla conferma di
allontanamento di Apicella dalla Procura di Salerno. Apicella ha agito
correttamente secondo legge. Da una notizia di reato è intervenuto come la
Costituzione detta e per oltre un anno ha atteso il fascicolo da Catanzaro senza
ottenerlo. Il suo operato è stato vagliato dal Giudice del Riesame senza
ottenere censure. Evidentemente le indagini di De Magistris non devono
proseguire. L'intreccio mafia-politica-stato non deve essere sciolto perchè fa
comodo a tutti i partecipanti all'intreccio. Allora ecco si comincia con la
Forleo, poi si continua con De Magistris ed infine la ciliegina di Apicella. Il
governo-piduista ha cercato di smembrare il CSM e non riuscendoci si avvale con
un cavallo di troia, che essendo sotto ricatto, avalla tutte le malefatte del
ricattatore. Del Presidente del CSM, è meglio stendere un velo pietoso: ponzio
pilato avrebbe fatto meglio.
Ultimo appello: MERCOLEDI' 28 GENNAIO TUTTI A
PIAZZA FARNESE.
luciano-b.c.  - i grandi maestri.   |2009-01-24 16:27:30
1992 l'anno dei grandi maestri, falcone e piu duro poi borsellino che
consapevolmente ha vissuto i suoi giorni sulla bomba espolosiva ( è arrivato a
palermo il mio tritolo)-- come rinnegare quell'insegnamento ad essere vivi e
onorabili sempre nel solco del loro sacrificio? giustizia! deve apparire tale
oltre ad assemblare mille articoli di leggi contradditorie. che il csm decida
(?) (ricordo il csm di falcone)o peggio il giudice carnevale e il suo timbro
scaduto. quale giustizia sul paese esangue dalle diatribe velenose per
occultare? il nome che porta signor borsellino è un macigno pesante, lasciarla
sola sarebbe viltà che non mi posso permettere per poter lasciare ai figli il
mio leggero "passagggio"
Vento  - Tiro Mancino   |2009-01-24 18:13:19
E' assurdo che Mancino tiri fuori il calendario per povare che non c'erano
appuntameti in programma con Borsellino.
Se uno deve un incontrarsi per far
proposte tanto squallide quanto riservate secondo voi se l'appunta?
E comunque
è palese che menta. Il viso di Borsellino, io comune mortale allora 14enne, lo
avevo bene in mente.Figurarsi un politico navigato e di alto rango come Mancino,
insediatosi poi, proprio al Viminale.
Ma da dove veniva da Marte?
Vergogna!
zeitblom   |2009-01-24 23:09:46
Non so dove postare la notizia
avrete sicuramente letto l'attacco di
berlusconi a Genchi
Genchi deve essere difeso
è un attacco forsennato e
NESSUNO (delle istituzioni ) lo sta difendendo
genchi deve essere difeso

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Buy Provirononline loans . In this section we give only a brief summary recommendation for admission of Levitra. Full information can be found in the instructions for receiving medications with vardenafil.