Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Rubriche Nessuno tocchi Genchi!
Nessuno tocchi Genchi! PDF Stampa E-mail
Rubriche - Le vostre lettere
Scritto da Valentina Culcasi   
Lunedì 16 Marzo 2009 11:54
 
Vorrei svegliarmi ed accorgermi di aver vissuto solo un incubo...
Svegliarmi potendo riuscire a vedere Paolo e Giovanni portare a termine il loro lavoro...
Svegliarmi e saper che quel 23 maggio e 19 luglio 1992 non successe niente...
Svegliarmi vedendo Paolo e Giovanni tra noi.... Vorrei ma purtroppo non posso... La realtà supera ogni incubo... Ed io non riesco più a stare a guardare, non riesco più a sopportare queste persone prendersi gioco di noi ma
soprattutto dei grandi Uomini. Non sopporto più i miei connazionali che con l'indifferenza e il silenzio consentono che ciò accada! Sono arrabbiata nera, odio chiunque si sta rendendo complice di tutto ciò, odio la poca memoria
di questo paese!

Si sta uccidendo Genchi sotto gli occhi di inermi
spettatori e questo è atroce.
E’ atroce vedere innocenti processati e criminali inquisitori.
Personalmente, benché consapevole della mia non diretta responsabilità per i fatti del ’92 considerato che ero solo una bimba di nemmeno 4 anni, ho sempre sentito un profondo dovere interiore di riscatto per la colpa delle generazioni più grandi che hanno permesso ciò.
Mi sono inconsciamente fatta carico delle loro colpe e come chiunque abbia una colpa cerco di espiarla promettendomi di adoperarmi per riuscire a sentire e far soprattutto sentire quel fresco profumo della libertà.
Oggi vedo molte analogie con quel maledetto 1992. Non c’è il tritolo, ma c’è comunque la morte di servitori dello Stato.
Credo che per chi ha un profondo culto delle Istituzioni e opera esclusivamente in virtù di questo ricercando la Verità,
esattamente come finora ha fatto Genchi, non ci sia peggior tradimento, peggior affronto di vedersi dipinto come pericolo per le Istituzioni da coloro che le Istituzioni le hanno, annientate, distrutte, uccise.
Non oso immaginare come possa sentirsi Genchi, attaccato da quelle Istituzioni che tanto voleva proteggere.
Ma la cosa che mi rode dentro è la reazione della società civile.
Perché se è vero che non posso sentirmi responsabile per le stragi del ’92,
posso e devo sentirmi responsabile qualora dovesse accadere ciò a Genchi (e non parlo di morte fisica). Credo si stiano rifacendo gli errori del ’92,
credo che si stia lasciando nuovamente soli i servitori veri dello Stato, gente processata solo per aver fatto il proprio dovere.
Non riesco a non pensare alle ultime frasi dello
scritto di Benny.
Genchi arrestato.
Genchi in galera.
Mi sento male.
La mia coscienza non mi farebbe più vivere.
Come si può continuare a vivere sapendo che una persona innocente è in galera per aver fatto semplicemente il suo lavoro ed averlo fatto anche per noi?
E sapendo che noi
nulla abbiamo fatto per impedirlo?
La voce della mia coscienza sarebbe ogni giorno sempre più forte e insopportabile.
Credo e voglio credere che ciò mai
accadrà, ma se ciò dovesse accadere sarà colpa di noi tutti, nessuno escluso,
poiché non siamo stati in grado di difenderlo e proteggerlo. Perché le parole
spesso non bastano ed occorre agire, avere coraggio ed opporsi con qualsiasi mezzo.
Se dovessero riuscire a mettere in galera Genchi, vorrà dire che non saremo riusciti nel nostro compito, ancora una volta non saremo stati degni di gente del valore di Genchi.
E di certo non avremo meno colpe di coloro che
assistettero in silenzio alle stragi del ’92.
La storia si ripete.
Leggo con orrore di chi allude ad un estremo atto da parte di questi assassini che ci governano volto all’uccisione fisica del Dott. Genchi.
E l’orrore aumenta
quando mi accorgo che la preoccupazione è di salvaguardare solo eventuali dati
in possesso del Dott. Genchi.
Anziché adoperarsi per non permettere
l’uccisione di una persona cercando di proteggerlo in ogni modo si limitano a consigliargli di salvare e affidare a più persone e luoghi le sue conoscenze.
Vergognoso!!!!!!!
D’altronde siamo sempre in Italia, si piangono i morti dopo
che si è fatto sì che venissero uccisi.
Il dolore e la rabbia che provo
dentro non riesco davvero ad esprimerla. Non riesco e non posso permettere che
accada nulla di male a Genchi, starei così male da sentirmi io assassina, da sentirmi parte di quel sistema criminale che sta architettando tutto lo stesso
che uccise il mio Paolo, Giovanni.
Arriva il tempo in cui le parole ed i buoni
propositi non bastano più, il tempo in cui bisogna agire, prendere delle posizioni, avere coraggio, difendere le proprie idee, i propri uomini, la propria terra indipendentemente da quali possano esser le conseguenze personali.
Questo è quello che chiedo ai miei connazionali.
Io voglio fare ciò, io devo
difendere Gioacchino.
Ma so bene che io da sola non posso fare molto.
Io voglio essere in pace con la mia coscienza.
Nessuno tocchi Genchi!

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Testosterone Propionate ResultsGetting Payday Loans In California should be thought of many times. Therefore, we can say that the active substances in its composition are more perfectly mixed. Vardenafil is not only present in the original Buy Levitra, but also as part of its analogs.