Borsellino, l'ira della famiglia: "Dalla Cassazione pietra tombale"
Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Borsellino, l'ira della famiglia: "Dalla Cassazione pietra tombale"
Borsellino, l'ira della famiglia: "Dalla Cassazione pietra tombale" PDF Stampa E-mail
Documenti - I mandanti occulti
Scritto da Giuseppe Lo Bianco - Sandra Rizza   
Giovedì 19 Novembre 2009 17:21
La sentenza: “L’agenda rossa mai stata a via D’Amelio” Stragi del ‘92, i pm negli uffici del Servizi segreti.

L’agenda rossa di Paolo Borsellino come la mafia di trent'anni fa: non esiste. O meglio, non è mai esistita all'interno della borsa del magistrato, ritrovata il giorno dell'esplosione in via D'Amelio. Lo sostiene la sesta sezione penale della Corte di Cassazione, che ha depositato le motivazioni della sentenza con cui conferma il proscioglimento del colonnello Giovanni Arcangioli dall'accusa di aver rubato e fatto sparire il documento. Per la Cassazione ''gli unici accertamenti compiuti in epoca prossima ai fatti portavano ad escludere addirittura che la borsa presa in consegna da Arcangioli contenesse un'agenda, come da quest'ultimo sempre sostenuto''. Agnese e Manfredi Borsellino, la vedova e il figlio del magistrato ucciso, non nascondono la propria amarezza: ''Possiamo solo ribadire che quel giorno Paolo Borsellino si è recato in via D'Amelio portando l'agenda con sè''. Quella domenica 19 luglio del 1992, infatti, Agnese si trovava con il marito e alcuni amici nel villino di famiglia e appena un'ora prima dell'esplosione vide il marito con l'agenda. Nei mesi scorsi, la vedova Borsellino ha ribadito ancora una volta questa circostanza ai pm di Caltanissetta. Oggi la Cassazione sembra cancellare la sua testimonianza. Rita Borsellino, eurodeputato del Pd, dichiara: “Incredibile. Quell’agenda allora ci dicano dov'è finita''. “Adesso - dice con ironica amarezza Salvatore Borsellino - bisognerebbe incriminare la vedova per aver dichiarato il falso. Come si fa a prendere per buona la testimonianza di una persona, peraltro imputata, che ha dato tre o quattro versioni diverse dello stesso fatto?''.

Il riferimento è allo stesso Arcangioli, che dopo aver chiamato in causa due magistrati (Alberto Di Pisa e Vittorio Teresi) che non erano presenti in via D'Amelio nell'immediatezza della strage, ha cambiato versione sui suoi movimenti attorno a quella borsa sostenendo alla fine di averla aperta alla presenza dell' ex pm Giuseppe Ayala, e di non avervi trovato l'agenda. Circostanza che Ayala ha poi negato. La Cassazione adesso da' credito all'ufficiale e fa calare una pietra tombale sulla sparizione del documento che secondo numerosi magistrati e investigatori antimafia racchiude il mistero dell'uccisione di Borsellino. L'agenda rossa, infatti, col suo potenziale di segreti, è considerata la ''scatola nera'' della Seconda Repubblica. Per il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, che indaga sulla trattativa Stato-mafia, in quell'agenda ''c'è la chiave della strage di via D'Amelio . È improbabile che sia andata distrutta, più logico pensare che sia in mano a qualcuno che la possa usare come arma di ricatto''. Secondo il procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari ''non è una possibilità fantascientifica che dentro quell'agenda ci fossero degli appunti di Borsellino su un possibile negoziato tra lo Stato e le cosche, perchè si ponesse fine alle stragi''.

E intanto proprio riguardo alle stragi i pm di Palermo e Caltanissetta - Messineo e Lari - stanno esaminando una serie di documenti riservati su via D’Amelio e Capaci contenuti negli archivi dei servizi segreti. I magistrati - come scrive oggi L’espresso - hanno notificato ieri al prefetto Gianni De Gennaro, direttore del Dis (Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza) un ordine di esibizione degli atti finora rimasti top secret.


Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza (il Fatto Quotidiano, 19 novembre 2009)
 

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!
pcampoli  - Ti giuro, caro Salvatore, quando torno dal Brasile   |2009-11-19 21:34:25
Ti giuro, caro Salvatore, quando torno dal Brasile, so cosa devo fare.

Su
Arcangioli la CASSAZIONE puo´ tentare di distorcere la VERITA´ che sappiamo
quale e´ : quello che raccontano Agnese e Manfredi.

Per ora limito le parole
e mi auto-censuro, perche´ non posso fare diversamente, ma quando
torno.....

Non riesco a tornare con tutti i documenti privati che vorrei, ma
quello principale che mi serve per gridare le verita´ che nessuna CASSAZIONE
´venduta´ puo´cancellare o rovesciare, lo avro´, per cui, ripeto caro
Salvatore, devono finire questi infiltrati nelle Istituzioni, in tutte le
Istituzioni, magistratura compresa, OFFENDERE LA DIGNITA´ e LA INTELLIGENZA
DELLE PERSONE ONESTE E DEI FAMILIARI DELLE VITTIME.

Come e´ caduto in basso
il nostro Paese, dovranno sparire dalla circolazione coloro che oggi occupano i
massimi vertici Istituzionali quando la VERITA´ verra´fuori, perche´ prima o
poi VERRA´ fuori, non possono CANCELLARLA, possono solo meschinamente
rinviarla. !!!!!!!!

IL POPOLO DELLE AGENDE ROSSE, I NUOVI RESISTENTI, I VERI
EREDI DEI RESISTENTI DEL ´43-´45, DIFENDERANNO LA COSTITUZIONE DEL ´48 ED I
PRINCIPI FONDAMENTALI IVI CONTENUTI, CALPESTATI OGGI OGNI GIORNO NEL REGIME
P2-PCI-PDS-DS !!!!!!!!

NESSUNO POTRA´ PIU` FERMARE IL POPOLO PACIFICO DELLE
AGENDE ROSSE, NEPPURE LO STRAGISMO DI STATO GIA` SPERIMENTATO NEGLI ANNI
´60-`70.
alexn8   |2009-11-19 22:50:55
Tutto questo è assurdo..
Lo sai qual'è la cosa che mi fa incazzare veramente
e scusate il temine..che in italia si scende in piazza per la tessera del
tifoso, erano tutti preoccupati per la tessera del tifoso....e invece contro
questi colpi di spugna, che uccidono due volte...non si scende in piazza a
gridare lo schifo e il ribrezzo..a questa situazione.
Ma che ci fai in brasile
??

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Real Dbol Pillscash advance online . But it is worth noting that these tests were carried out on the blood cells. Therefore, it's too early to say about scientific evidence of Viagra influence on blood clots.