Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Ferraro: ''Mai nessuno mi parlo' di trattativa''
Ferraro: ''Mai nessuno mi parlo' di trattativa'' PDF Stampa E-mail
Documenti - I mandanti occulti
Scritto da Adnkronos   
Martedì 22 Febbraio 2011 21:59
Roma. «Mai nessuno mi parlò di trattativa. non mi appartiene, mai pensato a una trattativa».
Liliana Ferraro, già direttore generale del ministero di Grazia e Giustizia durante la gestione di Claudio Martelli, ribadisce davanti alla commissione Antimafia la vicenda dei contatti avuti con gli ufficiali del Ros e la sua esperienza accanto al giudice Giovanni Falcone. «Quando venne il capitano Giuseppe De Donno, -spiega Ferraro- venne a dirmi quello che mi dicevano tutti gli ufficiali che avevano conosciuto Falcone, cioè 'noi ci siamo e vogliamo fare la nostra partè». La Ferraro spiega di avere incontrato il capitano De Donno in aereo, sulla tratta Roma-Palermo e dopo l'uccisione di Falcone, riferì il tutto al giudice Paolo Borsellino che, spiega, «mi rispose con un 'ci penso iò. Poi -ricostruisce Ferraro- mi disse che gli era venuta l'idea di contattare Massimo Ciancimino perchè poteva darsi che il padre fosse disponibile ad una collaborazione». «Al ministero mi arrivò un plico e l'ho aperto -spiega ancora Liliana Ferraro, riferendosi al rapporto mafia-appalti- ma quando ho visto che si trattava di un rapporto che veniva dalla procura di Palermo, ho chiamato Giovanni Falcone al cellulare. Lui mi disse di cominciare a vedere di cosa si trattava, ma dopo circa due ore mi richiamò e mi disse di chiuderlo immediatamente e sigillare il plico in una cassetta di sicurezza. Feci così, non sono arrivata neanche a leggere metà del rapporto, nè so cosa chiedessero da Palermo. Falcone mi spiegò poi che era un rapporto investigativo e quindi non doveva essere inviato al ministero». «Il giudice Falcone -spiega poi Ferraro alla commissione presieduta da Beppe Pisanu- non fu assolutamente amato quando era in vita. Anche l'elezione al Csm era qualcosa che non gli si doveva riconoscere. Non erano molti quelli che lo amavano -ribadisce l'ex direttore generale del ministero della Giustizia- all'interno e all'esterno della magistratura, e anche tra i cittadini». Al centro dell'audizione di Liliana Ferraro in commissione antimafia, anche il rifiuto dell'allora direttore del Dap, Nicolò Amato, a sottoscrivere dopo la strage di via D'Amelio il provvedimento di immediato trasferimento a Pianosa dei detenuti per motivi di mafia all'Ucciardone: «Amato non lo riteneva opportuno -ha spiegato Ferraro- io lo riferii a Martelli che lo chiamo e si sentì dare la stessa risposta. Amato mi spiegò le ragioni del no, lui non era favorevole nemmeno al 41 bis, da sostenitore convinto del 'carcere della speranzà: successivamente ho avuto pochissimi rapporti e solo formali con lui, quel rifiuto per me non era ammissibile in circostanze così drammatiche». «Il ministro pensò di rimuoverlo? A me Martelli non l'ha mai detto, ma la tensione dopo quella notte era molto forte», rimarca l'ex direttore generale del ministero della Giustizia.

Adnkronos

tratto da Antimafiaduemila.com

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  The best way to go for you to know the credible Michigan Loans Online providers. But it is worth noting that these tests were carried out on the blood cells. Therefore, it's too early to say about scientific evidence of Viagra Without Prescription influence on blood clots.