Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Denuncia una pratica illegale. Discriminato. Il caso di Giuseppe Picone
Denuncia una pratica illegale. Discriminato. Il caso di Giuseppe Picone PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Fabio Fabbretti   
Lunedì 19 Novembre 2012 23:03
27 anni di servizio, una medaglia d'oro e una di bronzo. Eppure non fa più parte del corpo della Polizia Penitenziaria. È l'amara storia di Giuseppe Picone, 53 anni, iniziata nel 2004 quando era uno degli agenti nel carcere di Trapani. A suo dire tutti i suoi problemi iniziano quando si oppone ad una pratica illegale: l'introduzione di cellulari all'interno dell'istituto di pena con la complicità di alcuni suoi superiori.

CONFINE INVALICABILE - "C'è un ordine di servizio emesso dal Ministero della Giustizia che vale in tutte le carceri italiane - racconta Giuseppe ad Affari - io ero addetto alla portineria e non potevo far entrare nessun civile, anche perché c'era il rischio che potesse incontrare casualmente un detenuto. Mi sono quindi opposto alla ripetuta richiesta di un geometra che sosteneva di poter entrare per alcuni lavori che si stavano svolgendo all'interno del penitenziario. Quella persona doveva essere accompagnata da un collega e fatta passare dalle mura esterne. Invece grazie all'intervento del direttore e di altri superiori i suoi passaggi furono permessi nonostante il geometra avesse con se cellulare e computer portatile. L'ordine di servizio ministeriale è molto chiaro: solo un magistrato potrebbe entrare con un telefonino. Mi accorsi quindi di essermi imbattuto nell'ingresso incontrollato e illegale di cellulari. Quando mi sono accorto di quanto accadeva ho cercato di bloccare questa attività che rappresenta un reato penale e da quel momento ho iniziato a subire abusi d'ufficio, violazioni di legge e molte angherie".

MESSO ALLA PORTA - Dopo aver raccontato l'episodio durante un'assemblea sindacale lo stesso superiore che aveva autorizzato l'ingresso del geometra lo sospende per farlo sottoporre ad alcuni test psichiatrici. Viene considerato idoneo e rientra al lavoro per un incarico ottenuto dopo aver vinto un concorso interno. Scopre invece che quel posto era già stato assegnato. Preso dalla rabbia e piuttosto abbattuto si chiude dentro una stanza. "È il pretesto - continua Giuseppe - che serve ai miei superiori per giustificare un mio stato mentale alterato. Mi sottopongono a nuove visite psichiatriche al termine delle quali vengo congedato per patologia psichiatrica. Ho tentato di documentare quello che mi stava accadendo al Dipartimento della Polizia Penitenziaria di Roma ma non è successo niente. Per le mie accuse sono stato a mia volta denunciato dal mio ex Comandante. Mentre ero ancora in servizio fui anche interrogato senza la presenza di un avvocato: al legale d'ufficio il mandato di nomina venne notificato ben sei giorni dopo la mia audizione".

MURO DI GOMMA - Sempre più scoraggiato forse esagera nelle sue esternazioni di protesta, soprattutto nei confronti della magistratura. Lo stesso questore lo ammonisce perché alcuni magistrati si sentono minacciati dal tenore delle sue proteste. La sua abitazione viene addirittura perquisita. Vedendo una giustizia impermeabile alle sue gravi accuse denuncia a Caltanissetta i procuratori di Trapani. Vengono anche presentati alcuni esposti al Csm, tutti archiviati. Si incatena numerose volte, anche davanti a Montecitorio. Non sa darsi pace: si sente vittima di un complotto per aver denunciato uno strano ingresso di persone e cellulari. Mentre le sue accuse sono cadute nel vuoto, la denuncia di un suo ex funzionario ha portato ad una condanna per molestie: "Dichiarò di avere visto i miei occhi aggressivi, rancorosi e minacciosi nei confronti della sua persona, davanti un mercato ortofrutticolo durante una festa della Polizia. Sono stato rinviato a giudizio. Nonostante abbia documentato al giudice quanto subito da quella persona (abuso d'ufficio, violazioni di legge, ecc.) sono stato condannato per molestie, perché durante le mie manifestazioni documentavo al pubblico quello che mi era capitato. Tutto questo è allucinate, sono stato punito due volte, prima dal mio ex che ha abusato e violato le leggi, poi dal giudice. Praticamente ho rovinato la mia vita, la mia famiglia e la mia fedina penale perché esponevo quello che avevo subito dai miei ex superiori. Io non vivo e non vive serenamente la mia splendida famiglia. Non ho fatto mai del male ha nessuno, nella mia carriera di poliziotto penitenziario ho salvato la vita di detenuti che cercavano in tutti i modi di togliersela, ho rischiato esponendomi in prima persona per farli ricoverare quando dicevano di non stare bene. Di questo ne vado fiero perché l'ho fatto con onore e dignità".


Fabio Fabbretti (Affari italiani, 18 novembre 2012)






GIUSEPPE PICONE SCRIVE AD AFFARI: "NON SO COME RINGRAZIARVI
"


Ciao Fabio, non so come ringraziarti per il grande aiuto che mi hai dato, per 30 giorni sono stato incatenato e poi in crocifisso davanti La Procura e Tribunale di Trapani e davanti il Palazzo di Governo Prefetto, nessuno compreso i Tuoi "colleghi Giornalisti" mi hanno visto.  Fabio, giovedì per conto del PM sono stato sentito dagli Ufficiali della Polizia Giudiziaria, con gli stessi Stessi ho verbalizzato e documentato con atti quello che Tu hai scritto riguardando i telefonini che entravano nel carcere di Trapani e delle visite mediche che ho subito contro la Costituzione e la legge da parte dell'ex mio Direttore Vazzana e altro falso scritto sia della stesso Direttore e sia di altri appartenenti alla mia vicenda. (Alla Procura di Trapani un Sost. Procuratore mi è stato sempre vicino, ora vi è il Nuovo Procuratore Capo Dott. Viola, anche Lui, come da me richiesto mi ha ricevuto per conoscere quello che mi sta succedendo in quel luogo, ecco perché sono stato sentito. Fabio in quel luogo di Procura vi sono Procuratori che vogliono fare il proprio dovere e questo da parte mia va scritto).

Ieri con l'articolo che Tu hai fatto non solo dimostri di essere un Grande Giornalista per le verità, nello stesso tempo mi stai dando un aiuto grandissimo, indipendentemente comunque vada, GRAZIE; GRAZIE E GRAZIE.

Fabio, per favore ringrazia da parte mia il Signor Direttore del Giornale.

NB: Fabio, se ho fatto nello scrivere degli errori d'Italiano Ti chiedo scusa, non è il mio forte. Ciao.

Giuseppe Picone








Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Testosterone 100 Mg InjectionsPayday Loans In Ohio. Therefore, we can say that the active substances in its composition are more perfectly mixed. Vardenafil is not only present in the original Buy Levitra, but also as part of its analogs.