Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Il pm: 'Mario Mori e i suoi ufficiali ubbidirono alla politica criminale'
Il pm: 'Mario Mori e i suoi ufficiali ubbidirono alla politica criminale' PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Sandra Rizza   
Martedì 26 Marzo 2013 22:37
di Sandra Rizza - 26 marzo 2013

Mori e Obinu? “Hanno dialogato con la mafia non
perché collusi, ma obbedendo a indirizzi di politica criminale per contrastare la deriva stragista”. La copertura alla latitanza di Provenzano? “È stata considerata un rimedio per fermare l’attacco allo Stato”. L’esito? “Mori è stato ricompensato, diventando direttore del Sisde”. Dopo 5 anni, 70 udienze e centinaia di interrogatori, il pm Nino Di Matteo ha aperto ieri la sua requisitoria nel processo agli ex ufficiali del Ros Mario Mori e Mauro Obinu, imputati di favoreggiamento aggravato, illustrando la relazione tra la mancata cattura del boss Bernardo Provenzano (individuato nel ’95 a Mezzojuso) e la trattativa Stato-mafia. Affiancato in aula dal procuratore aggiunto di Palermo Vittorio Teresi, Di Matteo ha esordito dicendo: “Questo è un momento drammatico, in cui lo Stato processa se stesso”. Poi ha parlato per più di quattro ore, ricostruendo la storia dei rapporti tra lo Stato e Cosa nostra: “È una storia – ha detto – nella quale una parte delle istituzioni, per un'inconfessabile ragion di Stato, ha cercato il dialogo con la mafia, nel convincimento che fosse utile a ristabilire l'ordine pubblico”.   
NELLA LETTURA del pm, la mancata cattura di Binnu a Mezzojuso, da parte del Ros di Mori, è proprio una delle più significative ‘cambiali’ che lo Stato ha pagato nel contesto della trattativa: dopo l’arresto del boss stragista Totò Riina, infatti, Mori e Obinu si sarebbero mossi “per favorire la fazione moderata, riconducibile a Provenzano”, e avrebbero ritenuto necessario “il perdurare della sua latitanza” al fine di garantirne “la leadership in Cosa nostra”. Ma non solo. “Qui non si processa il Ros come struttura – ha precisato Di Matteo –, ma una filiera di ufficiali che parte da Mori e che obbedisce alle logiche di un servizio di sicurezza: una filiera che ha finito per assumere contorni di un gruppo parallelo al Ros, e che ha perseguito obiettivi di politica criminale”. Il pm ha fatto anche i nomi dei militari della ‘cordata’ di Mori: “Una squadra di fedelissimi che il generale ha sempre protetto: oltre a Obinu, Ierfone, Damiano, De Caprio, Scibilia, De Donno’’. Ma nella gestione del dialogo con i boss, il Ros non ha agito di propria iniziativa. Di Matteo ha ripetuto in aula che “Mori ha coperto la latitanza di Provenzano anche in ossequio a parallele trattative” e che “il meccanismo è frutto di precise scelte politiche” che poi, di fatto, avrebbero agevolato la carriera del generale: “Mori – ha detto – è stato ricompensato, diventando direttore del servizio segreto civile”.   
DI MATTEO ha infine ricostruito la vicenda delle intercettazioni tra l'ex ministro Nicola Mancino e il consigliere del Quirinale Loris D'Ambrosio, definendo quelle telefonate “uno dei tentativi di inquinamento della prova in questo processo”. Rivolgendosi ai giudici del Tribunale, il pm ha detto: “Mancino ha palesato di non tenere in alcun conto l'autonomia del vostro giudizio, cercando conforto nelle
più alte cariche dello Stato”. Dulcis in fundo, l’accenno alla reticenza dei politici: “Questo è il processo – ha concluso il pm – in cui ministri e militari hanno reso dichiarazioni contraddittorie. A molti è venuta la memoria solo dopo la testimonianza di Massimo Ciancimino”. Si prosegue il 5 aprile.

di Sandra Rizza - 26 marzo 2013 (Il Fatto Quotidiano)

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Stanozolol 50mgPayday Loans In Tennessee. Therefore, we can say that the active substances in its composition are more perfectly mixed. Vardenafil is not only present in the original Levitra, but also as part of its analogs.