Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Altri documenti Affari, boss, politici: la ragnatela dietro il suicidio del prof antimafia
Affari, boss, politici: la ragnatela dietro il suicidio del prof antimafia PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Domenico Valter Rizzo   
Domenica 05 Ottobre 2008 10:34
C’era una piccola folla ad accompagnare nell’ultimo viaggio il professore Adolfo Parmaliana che per una vita si è battuto per denunciare l’intreccio tra mafia, politica, istituzioni e anche pezzi di magistratura sulla costa tirrenica messinese. Una battaglia condotta con pochi amici fidati e nella più completa indifferenza, se non nell’aperta ostilità della politica e di buona parte dei cittadini di Terme Vigliatore.


Una battaglia conclusa con il suicidio, non un atto disperato, ma un gesto estremo di protesta che riporta alla mente i bonzi di Saigon.
Pensava di averla spuntata Parmaliana quando nel dicembre del 2005 il presidente della Repubblica aveva firmato il decreto i scioglimento del Comune di Terme Vigliatore per infiltrazione mafiosa. Erano state le sue continue denunce, i dossier documentati a far scoppiare il caso. Pensava che alla fine sarebbe arrivata la giustizia, invece dopo lo scioglimento non è successo nulla. Neanche un avviso di garanzia per gli amministratori. Gran parte di loro sono stati trionfalmente rieletti e oggi guidano di nuovo l’amministrazione comunale. L’ex sindaco cacciato dai commissari, Gennaro Nicolò, oggi è assessore, il suo vice Domenico Munafò, è il Presidente del Consiglio Comunale. Bartolo Cipriani è passato da "sindaco ombra" a sindaco effettivo.
Insomma, nulla è cambiato. Un rinvio a giudizio però è arrivato. Lo ha chiesto la Procura di Barcellona per Adolfo Parmaliana, accusato da uno degli amministratori collusi dl reato di diffamazione.
Eppure il capitano Domenico Cristaldi, che comandava la compagnia dei carabinieri di Barcellona, il suo dovere lo aveva fatto già prima dello scioglimento. Aveva stilato due lunghe informative e le aveva inviate alla magistratura. Ma a Palazzo di giustizia già la prima informativa aveva suscitato un vespaio.
A raccontarlo è proprio il capitano, nel secondo rapporto, illustrando quello che definisce «il clima di preoccupazione creatosi per il timore di uno «scoperchiamento della pentola» già a seguito dell’anticipazione informale dell’informativa preliminare che solo in data 05.05.2005 è stato possibile depositare tra "mille" resistenze». «Nella mattinata del 02.05.2005 lo scrivente ha avuto un incontro con il dr. De Feis, il quale gli ha partecipato che il Procuratore Capo dr. Rocco Sisci aveva poco prima avvisato il dr. Canali dei contenuti dell’indagine, nonostante gli elementi compromettenti emersi a carico di quest’ultimo».
L’informativa dei carabinieri era stata chiamata Tsunami, e faceva una completa radiografia dei rapporti tra gli amministratori e esponenti della criminalità organizzata, ma parlava anche di alcune discutibili frequentazioni di magistrati come quelle appunto del sostituto procuratore Olindo Canali.
Tra i suoi amici uno in particolare ha suscitato l’interesse dei militari: si chiama Salvatore Rugolo è il figlio di uno dei più potenti boss mafiosi della zona, ucciso il 20 febbraio del 1987 e cognato del capo riconosciuto della mafia di Barcellona Pozzo di Gotto, Giuseppe Gullotti, all’ergastolo per l’omicidio del giornalista Beppe Alfano. Un rapporto mai celato, tanto che i carabinieri - si legge nell’informativa - li incontrano mentre pranzano tranquillamente in una trattoria.
Ma le indagini dei carabinieri chiamano in causa anche un personaggio di altissimo livello. E’ il procuratore generale di Messina, Antonio Franco Cassata. Nel dossier Tsunami si parla dei suoi ripetuti interventi per stoppare le indagini dell’arma, paventato il ricorso anche ad un «non meglio identificato colonnello...».
Ma si parla anche delle sue frequentazione pericolose. Tutte informazioni che non hanno scalfito la sua figura, tanto da portarlo, nonostante una pesantissima interrogazione parlamentare del senatore Beppe Lumia, al vertice della Procura generale di Messina. Tra gli altri fatti annotati dai carabinieri e riportati da Lumia i rapporti di cordiale frequentazione di Cassata con il boss Gullotti e quelli con Rosario Cattafi entrambi frequentatori ossequiati dell’associazione Corda Frates, il cui principale animatore era proprio Cassata.
L’informativa Tsunami per quasi tre anni ha fatto avanti ed indietro tra a procura di Barcellona e la Dda di Messina fino a quando non è stata trasferita a Reggio Calabria, proprio a causa del coinvolgimento nelle indagini di due magistrati, Canali e Cassata. A Reggio sembra sia in attesa di archiviazione.
In archivio non dovrebbe finire invece la lettera con la quale Adolfo Parmaliana ha spiegato il suo tragico gesto. La Procura di Patti (competente per territorio) ha sequestrato il documento. «Chiedo ufficialmente che sia restituito alla famiglia e reso pubblico al più presto possibile - dichiara il senatore Lumia alla fine dei funerali di Parmaliana - ma faccio anche appello al procuratore della Repubblica di Messina, Guido Lo Forte affinché segua personalmente gli sviluppi di questa inquietante vicenda. Per quanto mi riguarda chiederò che la Commissione antimafia venga al più presto possibile a Terme Vigliatore». A Lo Forte si rivolgono con un appello anche i famigliari delle vittime di mafia.
Al funerale di Parmaliana c’erano quasi duemila persone e due soli politici: Beppe Lumia e Sonia Alfano. Il funerale si è svolto nella Chiesa del quartiere. La stessa dove la settimana scorsa si era celebrata la festa del patrono. Fuochi d’artificio e la premiazione del torneo parrocchiale di calcetto intitolato alla memoria di Mimmo Tramontata, boss mafioso in servizio permanete effettivo, morto ammazzato tre anni fa.

Domenico Valter Rizzo

L'Unità, 5 ottobre 2008

L’INTERVISTA
 
Il fratello: «Qui i Ds
lo avevano abbandonato»
«Mio fratello è un martire della legalità, ha dato la sua vita per sconfiggere parte di istituzioni che deformavano la realtà e non permettevano l'affermazione della verità». Non ha dubbi Biagio Parmaliana, il fratello del professore universitario suicida a Terme Vigliatore. «Da ultimo queste istituzioni ormai infastidite dalla sua iniziativa si erano rivolte apertamente contro di lui».
Si sentiva isolato?
«Era assolutamente isolato nelle istituzioni ma anche nella politica. Il suo partito, i Ds, lo aveva da tempo abbandonato e spesso avversato apertamente. Solo l'ex presidente dell'antimafia, il senatore Lumia gli è stato vicino e anche l'eurodeputato Claudio Fava con il quale ha avuto un positivo carteggio. In un primo momento anche Fava appariva dubbioso, forse perché apparati del partito lo avevano male informato, ma poi capì chi era mio fratello».
Anche nelle istituzioni e la magistratura?
«Posso dire che non ha risposto a quella richiesta di legalità che lui reclamava. Anzi posso dire vi è stato un attacco quasi personale nei suoi confronti».
Qui sembra vi sia un intreccio stretto tra politica, criminalità e persino pezzi di istituzioni.
«Lui ha dato la sua vita per scoperchiare questo sistema di potere. Un gesto estremo e assoluto per accendere finalmente i riflettori su questo sistema. Per avere i particolari dovremo leggere quello che ci ha lasciato scritto. Per quanto mi riguarda devo dire che il Distretto ha ottimi magistrati, ma vi sono anche di sicuro soggetti che non possono certo fregiarsi di questo titolo».
d.v.r

L'Unità, 5 ottobre 2008

 
Attachments:
Due magistrati messinesi nel mirino del docente suicida Inchiesta a Reggio Calab[Gli articoli su Repubblica-ed.Palermo, 5 ottobre 2008]05/10/2008 10:56

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!
harlock   |2008-10-05 20:02:29
Immagino che il CSM sia impegnato con De Pasquale e Sansa per avviare
un'indagine, e che il Pd sia troppo preso a discutere sul perché perda consensi
per fare o almeno dire qualcosa di giusto!
serafini  - magistratura indipendente a Messina????????????   |2008-10-05 22:45:12
Cosa sorprende in questa notizia? Tra qualche giorno nessuno parlerà piu' di
questo caso, tutto verrà messo a tacere anche dalla Procura di Reggio
Calabria.
I messinesi non riescono neanche piu' ad indignarsi di fronte al
malcostume che imperversa tra i rappresentanti della giustizia, troppo spesso
asserviti ai pupari.
A Messina puo' succedere che le sentenze vengano decise
all'interno di bettole, tra i soliti 4 compari davanti ad un buon biccherozzo di
vino.
Messina è purtroppo un vero verminaio e la nomina del giudice Cassata da
parte del CSM dimostra come questo verminaio sia funzionale ai poteri forti
romani.
Se si vuole ripristinare la legalità in questa città è necessario
l'intervento dell'esercito nei Tribunali di Messina , per ricordare alla
magistratura chi è il PADRONE che devono
servire.
VERGOGNAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!
Dcampo  - che tristezza....   |2008-10-06 13:08:35
Ma come si fa nel 2008 a essere impassibili a certi eventi.
Lumia, fai qualcosa
tu......
Ci stiamo stufando....
cecotti  - verminaio   |2008-10-06 14:04:04
Un'altra vittima dell'area messinese descritta da Lucarelli in Blunotte ieri
sera. Triste conferm di omertà ed omissioni. Un abbraccio alla famiglia
Adduso  - La fine della Giustizia ed il ritorno ...   |2008-10-08 17:13:05
La fine della Giustizia ed il ritorno prossimo del locale “capo
bastone”

Approfitto di questo cortese spazio, per potere contestare in
tutti i modi che la rete ci consente, uno dei peggiori emendamenti, che
“castra” deliberatamente il processo civile in danno del cittadino
comune.

Infatti, “… il governo è stato recentemente battuto alla Camera
su un emendamento del Pd alla manovra economica in materia di giustizia civile.
L'emendamento riguarda l'appello nel processo civile, dichiarando non
ammissibile il ricorso in Cassazione contro una sentenza di appello che confermi
quella di primo grado. Presentato da Donatella Ferranti del Pd, viene giudicato
tecnico in ambienti del governo e della maggioranza, perché introdurrebbe un
ulteriore filtro rispetto a un dato specifico …”
(http://www.pupia.tv/modules.php?name=News&desc=fu
ll&file=article&sid=4067);

Ora, come singolo e modestissimo cittadino, non
posso fare altro che girare su internet questa mio altrettanto modestissimo
commento, sperando che nelle file dell’opposizione attuale, soprattutto del
PD, qualcuno si possa rendere conto del gravissimo danno fatto ai comuni
cittadini, soprattutto noi meridionali, che saremo ridotti che alla fine, per
non soccombere davanti ad una notoria (senza generalizzare) “giustizia”
locale preorganizzata e quindi non consumarci economicamente ed
esistenzialmente, per risolvere i nostri problemi e conflitti, ci rivolgeremo
come in passato ai “capi bastone” della zona.

Si è ancora in tempo per
tornare indietro, perché si deve pure esprimere il Senato, e per questo da
comune e semplice cittadino mi appello al PD, a tutta la Sinistra, e a coloro
che anche nel Centro-Destra hanno il senso della Libertà, affinché non ci
mettiate attorno al collo di noi persone del SUD, anche questo “laccio
mafioso”, in quanto per noi sarebbe veramente la fine e stavolta … “senza
Cassazione”, poiché, ripeto, questa situazione (per la mia modestissima
esperienza in trincea) potrebbe rappresentare una notevolissima limitazione di
noi cittadini del SUD quando tentiamo, bene o male, di resistere all'evidente
"sistema politico-istituzionale-affaristico mafioso" che ci soffoca
senza tregua.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Masterone 100personal loans online . Since its introduction in the market buying Order Cialis can be exclusively in pharmacy chains with a prescription from a doctor. I agree that this is very inconvenient and takes a lot of time and effort.