Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Home Editoriali Il curriculum di Corrado Carnevale
Il curriculum di Corrado Carnevale PDF Stampa E-mail
Editoriali - Editoriali
Scritto da Benny Calasanzio   
Martedì 14 Ottobre 2008 16:00
"Falcone non capisce niente... Borsellino e Falcone sono i due dioscuri... Hanno un livello di professionalità prossimo allo zero... : per Paolo Borsellino appena ucciso: che Dio lo mandasse all'inferno... Io i morti li rispetto, ma certi morti no.... Falcone ha quattro facce, come il caciocavallo"
In una nazione decente un uomo, uno qualunque, che pronunci queste parole rischierebbe il linciaggio, prima fisico e poi morale. Ma siccome siamo la solita, disgraziata Italia, questo individuo dalle fattezze umane rischia di diventare Primo Presidente della Corte di Cassazione.
Stiamo parlando del galantuomo Corrado Carnevale, che probabilmente si vanta pure di essere definito l' "ammazzasentenze".
Un giudice di quelli con la g minuscola, capace di annullare oltre 500 processi per vizi di forma.
Un professionista delle carte a posto a servizio, secondo la sentenza di appello, di Cosa Nostra.
In primo grado era stato assolto, il galantuomo. La successiva condanna in appello fu poi annullata in Cassazione senza rinvio, da quelli che erano suoi colleghi. Assolto perchè le deposizioni dei suoi colleghi che denunciavano le sue pressioni per aggiustare i processi riferivano fatti accaduti in Camera di Consiglio, quindi coperte da segreto, trascurando che alcuni fatti erano accaduti all'esterno del Tribunale.
Le pressioni quindi c'erano state ed erano dimostrate ma non erano utilizzabili per la condanna.
Sorvoliamo. Vediamo cosa faceva il giudice, mentre era in Cassazione.
Il 9 febbraio1981 la prima sezione annulla l'ergastolo a cui era stato condannato Paolo Signorelli per l'uccisione del giudice romano Vittorio Occorsio.
Il 28 gennaio 1981 la Cassazione respinge i ricorsi dell' accusa nel processo sulla strage di Bologna e conferma le assoluzioni di Franco Freda, Giovanni Ventura, Pietro Valpreda e Mario Merlino.
Il 10 gennaio 1981, ricorso contro numerosi imputati di mafia. Per un errore della prima sezione della Cassazione 2O imputati tornano in libertà: la prima sezione aveva fissato l' esame del ricorso per il giorno successivo a quello in cui scadevano i termini di custodia preventiva degli imputati.
23 febbraio 1987. Ci sono tre uomini, tre mafiosi: Armando Bonanno, Vincenzo Puccio e Giuseppe Madonia. La Corte d' assise d' appello di Palermo li aveva condannati all' ergastolo per l' omicidio del capitano dei carabinieri Emanuele Basile. La corte di Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla e rinvia in Corte d'Assise, liberando i tre killer; motivazione: in base all' articolo I85 del codice di procedura penale, la convocazione inviata agli avvocati degli imputati per farli partecipare al sorteggio dei giudici popolari, aveva una data diversa da quella effettiva, come previsto dalla legge sulle corti d' assise d' appello, che però non prescrive la stessa regola per i giurati supplenti. Si era opposto solo il sostituto procuratore della Suprema Corte, Antonino Scopelliti.
Processo per l' uccisione del consigliere istruttore Rocco Chinnici: la Cassazione rinvia in appello a Catania e annulla gli ergastoli inflitti ai fratelli Michele e Salvatore Greco.
21 febbraio 1987. La prima sezione annulla la condanna all' ergastolo inflitta al presunto killer del maresciallo dei carabinieri Vito Jevolella.
3 marzo 1987, sempre Carnevale presidente: 112 presunti terroristi appartenenti a Prima linea e ai Comitati comunisti rivoluzionari condannati in appello l'otto marzo 1986. Annullate le condanne all' ergastolo per Maurizio Baldasseroni, Maurice Bignami, Oscar Tagliaferri, Giovanni Stefan, Sergio Segio, Oreste Scalzone.
Annullamento dei mandati di cattura contro i "cavalieri del lavoro" di Catania, ordinati dai giudici di Trapani.
Annullamento dell'ordine di cattura contro Giuseppe Missi, imputato per la strage del rapido 904.
Annullamento del mandato di cattura emesso dal giudice istruttore di Roma contro Pippo Calò.
Presidente di Cassazione, ribadisco, sempre il redivivo Corrado Carnevale.
17 marzo 1986: la corte d' appello di Reggio Calabria il 24 aprile 1986 condanna con l' accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso Francesco Mammoliti, Francesco Strangio, Antonio Pizzata, Domenico Pipicelli, Carlo Fuda, Rocco Carrozza, Francesco Pascale, Antonia Vottari e Maria e Nina Falcomata. La prima sezione della Corte suprema presieduta da Corrado Carnevale annullato senza rinvio.
1 aprile 1987: la prima sezione della Cassazione annulla gli ordini di cattura emessi contro il boss della ' ndrangheta Giuseppe Lo Giudice e dei suoi tre figli, accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso.
14 aprile 1987: la prima sezione della Corte di Cassazione annulla sei mandati di cattura emessi dai giudici istruttori del tribunale di Reggio Calabria emessi nell' ambito di una vasta inchiesta sulla mafia reggina.
1 giugno 1987: la Cassazione, presieduta sempre dal solito, annulla e rinvia in Corte d'Appello Giuseppe Senapa e Francesco Marino, condannati a ventitré e ventiquattro anni per aver fatto sparire un ragazzo di sedici anni, Salvatore Fiorentino: nella sentenza di appello poche motivazioni.
24 settembre 1987: La prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla la sentenza della corte d' appello di Roma contro una quindicina di presunti mafiosi accusati di aver organizzato un traffico di sostanze stupefacenti tra l' Italia e gli Usa, chiamato "Pizza Connection".
16 dicembre 1987, processo sulla strage dell'Italicus. La prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale annulla la sentenza della Corte d' assise d' appello di Bologna che sulla base di numerose dichiarazioni di pentiti neri aveva condannato all' ergastolo Mario Tuti e Luciano Franci.
5 febbraio 1988: la Cassazione di Carnevale annulla 45 condanne per associazione di stampo camorristico. Tra i graziati Antonio Bardellino, Francesco Bidognetti e Mario Iovine; la decisione d' appello non rispondeva ai requisiti di legge.
5 aprile 1988: la prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla le sentenze della corte d' assise di Salerno contro 12 presunti camorristi responsabili dell'attentato del 1982 contro il procuratore della Repubblica di Avellino, Antonio Gagliardi.
20 ottobre 1988: la corte di Cassazione annulla la sentenza contro la ' ndrangheta, tra cui tredici condanne all'ergastolo e in cui era imputato Giuseppe Piromalli: la mancata nomina sia da parte del presidente della Repubblica, sia da parte del presidente della Corte d' Appello di Reggio Calabria, dei due giudici togati che affiancarono nel dibattimento il presidente della corte d'Appello.
20 ottobre 1988: la prima sezione della cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla il mandato di cattura contro Vincenzo Santapaola, 32 anni, nipote del boss catanese latitante Nitto Santapaola.
1 marzo 1989: la Cassazione annulla i due ergastoli inflitti all' ideologo di destra Paolo Signorelli, per l' omicidio del giudice Mario Amato, e quello per l' uccisione del giudice Vittorio Occorsio.
26 settembre 1989: La prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla la sentenza della Corte d' assise d'appello di Catania contro i boss di Francofonte: otto condanne annullate per difetto di motivazione nella sentenza.
20 novembre 1989: la prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla il mandato di cattura contro Caterina Calia, presunta terrorista delle Brigate rosse.
28 novembre 1989: la prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla 41 condanne per oltre cinque secoli di carcere contro gli esponenti della malavita organizzata di Roma.
10 dicembre 1990: la prima sezione della corte di Cassazione presieduta dal giudice Corrado Carnevale annulla la sentenza di condanna contro Stefano Delle Chiaie per la ricostituzione del gruppo di estrema destra Avanguardia nazionale.
Marzo 1991: la prima sezione penale della corte di Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annullato il provvedimento di custodia cautelare relativamente all' accusa di associazione camorristica, a carico di Francesco Schiavone, il boss soprannominato Sandokan.
29 ottobre 1991: la Cassazione annulla la custodia cautelare ordinata dalla corte d' assise per alcuni capi dei clan Moccia e Magliulo, della camorra di Afragola.
17 febbraio 1992: la prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Corrado Carnevale, annulla la custodia cautelare per Bruno e Claudio Carbonaro, pluripregiudicati, accusati di essere stati tra i killer della strage di Gela che provocò otto morti: non valgono le dichiarazioni di un pentito che li accusava di aver fatto parte del commando assassino.
27 febbraio 1992: la prima sezione penale della Cassazione, presieduta dal giudice Corrado Carnevale, annullato la sentenza con cui la Corte d' assise d' appello di Torino aveva inflitto tredici ergastoli e ottanta altre condanne agli uomini di alcuni clan della mafia catanese trapiantata nel torinese. Niente associazione di stampo mafioso.
19 marzo 1992: la Cassazione annulla quattro ergastoli nel grande processo contro le cosche mafiose di Reggio Calabria.
24 giugno 1992: maxiprocesso-ter. La Cassazione annulla quattro ergastoli confermando l' assoluzione per Michele Greco. Paolo Alfano, Salvatore Montalto, Salvatore Rotolo e Vincenzo Sinagra, dovranno essere riprocessati.
1 settembre 1992: la Cassazione annulla l' ordinanza di rinvio a giudizio del maxiprocesso, la sentenza di condanna a 18 anni di primo grado e la condanna d'appello ad otto anni a carico del boss Alfredo Bono. Quando Falcone lo interrogò, Bono aveva un solo avvocato anzichè i due richiesti, causa una mancata notifica. Stop.
Cinqucento sentenze annullate sono tante, troppe. Queste bastano a raccontare, a dipingere l'individuo Carnevale.
Domani parleremo dei lodi, delle leggi ad personam e delle indagini che inchiodarono Carnevale.
Oggi parlano le sue decisioni, le sue sentenze.

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!
VaronEmanuele   |2008-10-14 18:40:00
Ci sono due ipotesi, entrambe verosimili.
1) CarnevaleOgniCavilloVale veniva
pagato dal perseguitato di turno, ingiustamente giudicato colpevole in tutti i
gradi di reati quasi sempre gravissimi, indipendentemente dall'organizazione
criminale cui apparteneva il martire;
2) OgniCavilloVale appartiene ad un
potere occulto che ha e aveva interesse perchè tutti costoro venissero
scagionati, appartenendo tutti ad un unico centro di potere che agiva e agisce
secondo una unica strategia,una unica visione di potere, un unico
fine.
Entrambe prospettano un futuro piuttosto nero.
VaronEmanuele   |2008-10-14 18:42:58
Se uno così può non solo essere a piede libero, ma ambire addirittura ad
essere il magistrato più importante d'Italia, significa che la maggior parte
degli italiani devono finire al fresco, per cospirazione democratica
aggravata.
Non ci sono parole.
salvatore   |2008-10-14 19:42:03
Corrado Guzzanti direbbe : La seconda che hai detto. I suoi servizi sono stati infatti utilizzati sia
dai mafiosi che dai terroristi neri.
VaronEmanuele   |2008-10-15 00:19:12
Ho sempre sospettato che la strategia del terrore non avesse un colore politico,
così come non ha colore politico la cancellazione di sentenze contro di essa.
Tutto su un unico binario, accerchiati su tutti i fronti: un fronte compatto che
si muove e che a pensarci lascia atterriti. Il fronte politico, leggi ad
personas e volte ad imbrigliare la giustizia, l'economia, tutti gli aspetti
della società civile. Il fronte depistaggi, indagini che si scontrano contro
muri, silenzi, prove che spariscono, sentenze di cassazione che tolgono valore a
testimonianze schiaccianti. Il fronte economico, la schiavitù del denaro emesso
da banche private che detengono il potere anche politico, gruppi e società che
comprano, vendono, fanno fallire e restano sempre in piedi, impuniti, più
ricchi di prima.
Il fronte mediatico, lasciamo perdere, in mano all'uomo (in
teoria) più potente d'Italia, e comunque impegnato a distogliere gli sguardi
dalla realtà sostanziale dei fatti, a rovesciare verità e notizie, a tacere su
fatti scandalosi e pericolosissimi.
Il fronte criminale, quasi una dependance
del potere politico, con la differenza che per perseguire i suoi scopi può
ammazzare chiunque con timide reazioni dello stato (speriamo che ciò che sta
incominciando in questi anni in campania e calabria sia l'inizio, e non una
parentesi contro il potere criminale).
Veramente manca il fiato.
Mi sembra che
l'unico luogo in cui poter sentire il fresco profumo della libertà sia questo
sito, dove ascoltare, informarmi e ogni tanto sfogarmi dicendo liberamente ciò
che penso.
E di questo non posso che esservi infinitamente grato.
Larapax  - non ho parole   |2008-10-14 23:55:24
E’ vero,
non faccio in tempo a digerire una notizia che già esiste qualcosa
di
peggio!!!!!
Non riesco a trovare le parole per andare avanti che mi si
blocca il
respiro … figuriamoci le parole … non faccio in tempo a
indignarmi a
sufficienza per quel che ho letto e saputo che già la mia
coscienza ha un
altro tracollo… sto letteralmente “annaspando” in questa
melma di
vergogne… mi manca l’aria… mi manca addirittura il tempo… temo
di essere
in ritardo di essermi mossa tardi troppo tardi… mi manca la
speranza… ma se
mi fermo affondo, smetto di respirare e “...la bellezza del
fresco profumo di
libertà ” non lo sentirò mai più… non posso, non posso
mollare …
Sono 15 giorni che mi ripeto “slogan” per tirare avanti, mi
continuo a
ripetere che i miracoli esistono, finchè c’è vita c’è
speranza… che si
tratta semplicemente della legge della vita dell’eterna
lotta tra bene e
male ma con la certezza e la sicurezza che il bene può vivere
senza il
male mentre il male non ha motivo di esistere senza il bene… quindi
è lui
che è più fragile…perché dipende dall’esistenza dell’altro…!
Mi ripeto
che prima o poi commetteranno qualche errore… sono troppe le
coscienze che
hanno comprato… prima o poi qualcuno crolla… ma tutto ciò
non mi basta…
non mi basta più!!! Sto passando parola a più non posso…
sto letteralmente
corrompendo colleghi e non… sto pensando di lanciare un
corso di legalità
nella scuola… ma tutto ciò non mi basta più!!!
Ripenso
a frasi da appendere… penso che anche Travaglio sul sito di Beppe
Grillo ha
parlato di questo carnevale che osa firmare le sentenze anche a
nome mio…
penso che i meet up di Grillo o come cavolo si chiamano sono
tanti e che se
avessimo una frase effetto potremmo tappezzare l’intera
penisola di
striscioni… penso…
mi è rimasto solo questo…
il pensiero…
Sarò
retorica…
Ma ho due frasi:
“LA CONOSCENZA GENERA COSCIENZA”,
“STIAMO
“VIVENDO” LA MAFIA IN DIRETTA”
Fabio  - grazie Benny   |2008-10-14 23:58:25
Avevo proprio bisogno di sapere queste informazioni sulle sentenze cassate da
questo giudice. Avevo letto alcuni articoli, avevo letto il libro di
Travaglio" Gli intoccabili" dove c'è un capitolo su Carnevale e
leggendo alcune intecettazioni, ero rimasto colpito dalle sue parole sprezzanti
contro PAOLO e GIOVANNI.
Quando penso che è stato assolto in Cassazione, dopo
essere stato condannato in appello, perchè non possono essere utilizzate come
prove le sue dichiarazioni all'interno della camera di consiglio,mi sembra cosi'
strano, quindi Carnevale poteva minacciare chiunque all'interno della camera di
consiglio, nessuno poteva contestargli un reato.
Ma per Carnevale i veri
mafiosi chi sono?
Ma per Carnevale la giustizia deve punire gli onesti e
difendere i delinquenti?
Ma non è che il giudice Carnevale adotta un libro
diverso del c.p.p.
Io propongo un referendum affinchè Carnevale vada in
pensione senza essere retribuito perchè ha fatto tanto male al nostro paese,
perchè non ha rispetto per le vittime di mafia...Carnevale vaffanculo come
direbbe Grillo
Larapax  - pensiero   |2008-10-15 00:03:07
il pensiero…
Sarò retorica…
Ma ho la frase:
“STIAMO “VIVENDO” LA
MAFIA IN DIRETTA”
Fabio  - un'altra frase ad effetto   |2008-10-15 00:05:26
Mancino che cosa hai fatto il 1 luglio 1992?
Andiamo sotto al csm con tante
agende rosse
Ale79   |2008-10-15 00:58:09
Trovo che la frase proposta da Larapax "Stiamo vivendo la mafia in
diretta" sia molto efficace! Va dritta al bersaglio e chi dovrebbe capire,
capirebbe subito il riferimento e lo smascheramento della sporcizia morale e
civile che sottende.L'unico dubbio che ho riguarda coloro che non sono informati
sui fatti e quindi non potrebbero coglierne a fondo la portata.
Adduso   |2008-10-15 12:59:07
A mio, sempre modestissimo parere, è del tutto chiaro ed evidente invece,
tranne per chi non può vedere, che si stanno opportunamente
“ricongiungendo” i “poteri” “fascisti e mafiosi” della politica,
della giustizia e degli affari. Chi nelle “logge” e chi nelle
“confraternite”, mediante anche reciproche elezioni condivise di cariche
istituzionali e leggi “vaccino” anti-popolo.

E’ duro ammettere questo,
perché significa che ci hanno definitivamente chiuso nel “recinto” come un
“branco di ruminanti” (e pure “cornuti e bastonati”) e solitamente solo
un evento nefasto, forse, potrebbe riaprirlo, come d’altronde è avvenuto
quasi sempre storicamente.

A meno che, ad esempio, la sinistra o anche tutto
il centro-sinistra, non ricrei dal basso un movimento di opinione unito, ma per
questo occorrono "antropologicamente" nuove persone (e qui "casca
l'asino") e anche idee innovative, ma che siano realizzabili e non invece
espressioni teoriche o peggio dogmatiche. Altrimenti continuiamo pure a
“belare”.
Vento  - Ciao Benny   |2008-10-15 23:30:38
Approfitto di questo post per segnalarti un errore che hai fatto in un tuo
precedente articolo da il titolo "Berlusconi, ovvero l'unico che non può
citare Giovanni Falcone".
In quell' articolo indicasti Gaetano Cinà
(condannato 9 anni per associazione mafiosa con dell'Utri), quale medico di
Totò Riina, quando invece trattasi di Antonino Cinà.
Spero di averti fatto
cosa gradita.

Codiali saluti e complimenti per l'articolo
Luana   |2008-10-16 10:13:39
Che schifo!!!! Questo sarebbe un uomo di legge? E la sua professionalità come
la definisce? Sarei curiosa di saperlo!!!
Benny  - x vento   |2008-10-16 10:59:09
Grazie, ho controllato e hai ragione. Perdonate l'errore!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Anabolic Steroids PillsFlorida Payday Loans can help you in trying times, but be sure to know the laws necessary for your loan application. What can cause long-term use of Canadian Viagra? In the network and other sources of information, there is no reliable data on the long-term use of Viagra and its negative effects on the body.