Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Altri documenti Il killer di don Puglisi fa rivelazioni su Via D´Amelio
Il killer di don Puglisi fa rivelazioni su Via D´Amelio PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da L'Unità e Repubblica-ed.Palermo   
Mercoledì 15 Ottobre 2008 12:18

Il killer di don Pino Puglisi potrebbe diventare un pentito. Il boss di Brancaccio Gaspare Spatuzza parla da 4 mesi con i pm di Palermo Antonio Ingroia e Nino Di Matteo e con il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari. Spatuzza, che uccise il sacerdote il 15 settembre 1993, è in carcere dal 20 giugno 1997. E starebbe aiutando i magistrati a ricostruire il periodo delle stragi di mafia e di numerosi omicidi degli anni 80 e 90. I pm palermitani e nisseni ne stanno ancora valutando l’attendibilità, soprattutto sulla strage di via D’Amelio, sulla quale il dichiarante avrebbe fornito una versione diversa da quella contenuta nelle sentenze definitive, e resa da un altro collaboratore di giustizia, Vincenzo Scarantino.

Tra i primi fatti di cui ha parlato con i pm di Palermo, Gaspare Spatuzza ha inserito il delitto Puglisi, da lui commesso su ordine dei fratelli boss di Brancaccio, Giuseppe e Filippo Graviano, condannati come lui e Cosimo Lo Nigro, all’ergastolo. Spatuzza avrebbe «integrato» e confermato i racconti degli altri pentiti, ammettendo le proprie responsabilità e chiarendo il contesto in cui maturò il delitto del sacerdote. Ma da fedelissimo dei Graviano, Spatuzza sta anche parlando dei contatti dei loro capi con ambienti diversi da quelli mafiosi. Condannato per le stragi del ’93 a Roma, Firenze e Milano, Spatuzza, detto ‘u Tignusu, «il Calvo», era un killer molto abile e fu assoldato su input di un altro dei killer di don Pino Puglisi, Salvatore Grigoli.


L'Unità, 15 ottobre 2008



 

Gaspare Spatuzza ha iniziato a parlare da quattro mesi. Per adesso resta un dichiarante

SI PENTE IL SICARIO DI DON PUGLISI

Su via D’Amelio la sua versione contrasta con quella di Scarantino

In Cosa nostra ha percorso tutti i gradini di una veloce carriera criminale: da killer di borgata era diventato presto uno dei padrini di Brancaccio, uno dei protagonisti della strategia di morte che nel 1993 portò alle bombe di Milano, Firenze e Roma, ma anche al delitto di don Pino Puglisi. Da quattro mesi, Gaspare Spatuzza sta collaborando con i magistrati di Palermo e di Caltanissetta. E starebbe offrendo indicazioni importanti su quella pagina ancora per molti versi oscura della storia d´Italia.
Spatuzza è in cella dal 1997, le sue conoscenze sull´universo mafioso sono datate. Ma sugli anni della sua ascesa criminale saprebbe molti particolari inediti, adesso al vaglio della magistratura. Al procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, Spatuzza avrebbe già parlato della strage di via D´Amelio, offrendo una versione diversa da quella fornita dal pentito Vincenzo Scarantino e finita nelle sentenze ormai definitive. Spatuzza ha anche messo a verbale quelli che lui ritiene «riscontri» alle sue dichiarazioni, ma i magistrati sono prudenti e attendono di valutare complessivamente l´attendibilità del boss di Brancaccio.
Tra i primi fatti di cui il capomafia ha parlato con i pm di Palermo Antonino Ingroia e Nino Di Matteo c´è invece il delitto Puglisi, da lui commesso su ordine dei fratelli Filippo e Giuseppe Graviano, ormai condannati in via definitiva (come Spatuzza) all´ergastolo. Il neo dichiarante conferma e integra i racconti degli altri pentiti: ammette le proprie responsabilità e chiarisce il contesto in cui maturò il delitto del parroco di San Gaetano, commesso il 15 settembre 1993.
All´apice della sua carriera criminale Spatuzza era diventato uno dei fedelissimi dei boss di Brancaccio. "U Tignusu", come lo chiamavano, era inizialmente solo un rapinatore di borgata. Fu Salvatore Grigoli, il killer di don Pino, a cooptarlo nel gruppo. E non deluse. I servizi di Spatuzza li chiedeva spesso anche Leoluca Bagarella, nel ‘93, dopo l´arresto di Salvatore Riina, il corleonese più influente a Palermo. Fu così che in quegli anni Spatuzza finì per frequentare le riunioni importanti di Brancaccio in cui si decideva la prosecuzione della strategia delle bombe inaugurata da Riina. Poi, all´improvviso, dopo Roma, Milano e Firenze, le bombe si fermarono. Il perché non è ancora chiaro. I corleonesi avrebbero avuto garanzie da alcuni ambienti politici e imprenditoriali. Qui inizia la zona più oscura per le indagini. Un lungo elenco di pentiti, molti provenienti dal clan di Brancaccio, ha offerto negli anni scorsi degli spunti, ma non sono stati sufficienti per arrivare a una verità.
Spatuzza sa di certo di decine di omicidi, quelli per cui è stato condannato: da Marcello Drago a Domingo Buscetta (nipote del pentito storico di Cosa nostra) da Giuseppe e Salvatore Di Peri a Salvatore Buscemi. Era spietato Spatuzza. Dopo essere sfuggito alla cattura per ben tre, non esitò a far fuoco contro gli agenti della squadra mobile che si erano appostati all´ospedale Cervello. Quel giorno, il killer aveva un appuntamento con un complice, ma trovò i poliziotti.

La Repubblica-ed.Palermo, 15 ottobre 2008

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!
Shiloh  - OT La sensibilità della Tigre di Mompracem   |2008-10-15 23:07:44
Il povero Sandokan si è sentito calunniato da Saviano

da RaiNews24 - Le
ultime notizie

''Questo grande romanziere - sarebbe il testo del fax inviato
da Sandonkan - che fa il portavoce di chissà chi deve smettere di fare
illazioni calunniose false su di me non solo in conferenza stampa, ma poi
riportate sul giornale Repubblica che lo leggono milioni di persone,
accostandomi a signori che non ho mai conosciuto''.

Luciana
Luana   |2008-10-16 10:08:39
Ho appena letto un articolo in cui l'aspirante pentito Gaspare Spatuzza ha
ammesso di aver rubato lui l'auto usata come autobomba per la strage di via
D'Amelio.
Spero che finalmente qualcosa venga fuori!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Masteron Test Cyclepersonal loans. Since its introduction in the market buying Cialis can be exclusively in pharmacy chains with a prescription from a doctor. I agree that this is very inconvenient and takes a lot of time and effort.