Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Veneto, 'la mafia è ormai dappertutto'
Veneto, 'la mafia è ormai dappertutto' PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Silvia Zanardi   
Lunedì 16 Dicembre 2013 22:31
di Silvia Zanardi - 14 dicembre 2013

La mafia non è solo quella dei volti "popolari" di Provenzano e Riina, non è solo al "Sud" e non è un demone che riguarda gli “altri”. La mafia è dappertutto, è il germe dilagante che infetta i territori in cui si infiltra. E fra i mafiosi ci sono i "colletti bianchi", c'è la "massoneria", ci sono politici, imprenditori, frequentatori dell'alta società e rappresentanti istituzionali che violano quei valori di giustizia e legalità di cui dovrebbero farsi portatori. La mafia avvelena il Nord e il Veneto e ieri sera, alle Sale Apollinee della Fenice, lo ha detto a chiare lettere il consulente della Commissione parlamentare antimafia Enzo Guidotto, invitato con il procuratore generale della Corte d'Appello di Palermo Roberto Scarpinato e Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, al convegno "Mafia, realtà e finzione", organizzato da Agende Rosse Venezia e voluto dal presidente del consiglio comunale Roberto Turetta. La serata, dedicata al volto inquietante, finto e traditore della mafia, quello che nel 1992 ha ucciso Falcone e Borsellino nelle stragi di Capaci e di Via D'Amelio, è stato presentato dal presidente di Agende Rosse Gianluigi Placella e introdotta dalla musica di Cecilia Vendrasco, al flauto traverso, Alessandra Trentin, all'arpa, Giovanni Mancuso, al pianoforte e dalle parole di Paola Brolati, che ha recitato la commovente lettera di Roberto Scarpinato a Paolo Borsellino, oggetto di un provvedimento disciplinare.
«Falcone e Borsellino avevano più volte denunciato l'infiltrazione della criminalità organizzata in Veneto ma, nonostante le numerose inchieste e gli arresti che lo hanno confermato, si continua a far finta di nulla», ha detto Guidotto, autore di saggi sul fenomeno mafioso, profondo conoscitore degli insediamenti in Veneto della mafia siciliana. «È stato nel 2003 – ha aggiunto – che la commissione antimafia ha affermato che, soprattutto nell'attività turistica, si fa strada il riciclaggio e i summit fra cinesi, albanesi e siciliani a Venezia non sono storia recente». Roberto Scarpinato ha ricordato che all'inizio del suo lavoro accanto a Falcone e Borsellino, pensava che la mafia si sviluppasse fra le persone di basso livello culturale, di cui Provenzano e Riina possono essere un esempio: «Mi sbagliavo, ho iniziato a capire cos'è la mafia quando mi sono reso conto che i suoi artefici frequentavano le mie chiese e le mia università – ha detto – E i piani alti dello Stato. Per questo dobbiamo chiederci se le stragi di Capaci e Via D'Amelio sono state davvero stragi di mafia o qualcosa di più». La conclusione commovente del convegno è stata affidata a Salvatore Borsellino, che ha ricordato con agitazione le minacce al pm Nino Di Matteo: «La seconda Repubblica è nata sul sangue di queste stragi: la mafia è un tumore da eliminare in fretta». «Dentro di me ho tanta rabbia, perché continuo ad avere fiducia nelle istituzioni nonostante sappia che è proprio lì che si annida il germe: lo Stato deve essere governato da persone degne. Non possiamo più aspettare».

Silvia Zanardi (La Nuova Venezia)










Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Dbol MethandrostenoloneIllinois Loans Online should not be obtained by people who do not have the capacity to repay the lenders. Since its introduction in the market buying Generic Cialis can be exclusively in pharmacy chains with a prescription from a doctor. I agree that this is very inconvenient and takes a lot of time and effort.