Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Il caso di Attilio Manca: novità importanti da "Chi l'ha visto"
Il caso di Attilio Manca: novità importanti da "Chi l'ha visto" PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da redazione nanopress   
Giovedì 09 Gennaio 2014 10:58

attilio manca

Attilio Manca era un giovane medico siciliano, un chirurgo urologo serio e professionale, che si è formato nelle migliori università. La mattina del 12 febbraio 2004 viene trovato morto nella sua casa di Viterbo.

Sul braccio sinistro ci sono due piccoli fori e l’autopsia riscontra una dose letale di droghe: l’ipotesi del suicidio è la prima a cui pensano gli inquirenti, ma fin da subito la famiglia non ci crede. Attilio si trovava bene a Viterbo, voleva comprare casa, ma soprattutto era un mancino puro, usava la sinistra anche in sala operatoria: come avrebbe fatto a farsi un’iniezione con la mano destra

Troppi particolari e dettagli che non tornano in una morte misteriosa. La famiglia si rivolge subito alla trasmissione perché teme che dietro la sua morte ci sia la mafia: Manca era un brillante chirurgo, specializzato nelle operazioni di tumori alla prostata e potrebbe essere collegato alla necessità di uno specialista in urologia per il boss Bernardo Provenzano, operato in Francia, diventando così un testimone scomodo da eliminare. L’ipotesi è sconfessata dalla procura di Viterbo: secondo i pm, Attilio Manca era drogato e quel giorno avrebbe sbagliato la dose.

Dopo sette anni, la procura ha prodotto l’esame tricologico per dimostrare la sua tesi; infine il caso viene chiuso perché Attilio, seppur mancino, doveva essere per forza ambidestro, come scrivono i giudici nelle motivazioni, citando un articolo del Corriere della Sera. La famiglia non ci sta e continua la sua battaglia.

Il caso di Attilio Manca si intreccia con il G8 di Genova nella figura di Salvatore Gava e con il boss della mafia: Provenzano, malato di tumore alla prostata, e il giovane medico, uno dei pochi specialisti nell’operazione in laparoscopia, si sarebbero incontrati forse anche a Marsiglia, dove il mafioso si sottopose all’operazione. Secondo la madre del medico, il dottore era in Costa Azzurra “perché doveva assistere a un intervento“, come le disse al telefono, nei giorni in cui si trovava anche il boss mafioso, allora latitante con il falso nome di Gaspare Troia. I tabulati telefonici sono stati richiesti dalla famiglia per confermare le loro parole, ma la procura di Viterbo non ha mai voluto legare la morte di Manca con la figura di Provenzano.

Il rapporto di Salvatore Gava, all’epoca a capo della Polizia di Viterbo, nega la presenza del dottore a Marsiglia, scrivendo che in quei giorni Attilio Manca era sempre al lavoro. Da un controllo sui fogli presenza dell’ospedale di Viterbo, Manca risulta assente proprio nei giorni in cui Provenzano venivano sottoposto alla seconda e terza operazione a Marsiglia. Il dubbio rimane: Gava è stato condannato invia definitiva a 3 anni per falso in atto pubblico per il rapporto redatto a giustificazione del blitz alla scuola Diaz all’epoca del G8 di Genova. Anche nel caso di Manca Gava potrebbe aver redatto un rapporto falso? Se sì, perché?

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Oxymetholone 25mgThe best way to go for you to know the credible Payday Loans Michigan providers. But at the same time, it acts only with sexual arousal. Viagra has a number of advantages in comparison with injections in the sexual organ or other procedures aimed at treatment of impotency.