Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Di Matteo-Sgarbi, botta e risposta con querele
Di Matteo-Sgarbi, botta e risposta con querele PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da redazione CorrieredelMezzogiorno.it   
Mercoledì 12 Febbraio 2014 18:52

di redazione Corriere del Mezzogiorno.it - 12 febbraio 2014

PALERMO – Botta e risposta a suon di querele tra il pm Nino Di Matteo e il critico d’arte Vittorio Sgarbi. Il magistrato ha querelato per diffamazione a mezzo stampa Sgarbi e i giornalisti Filippo Facci, Giuliano Ferrara ed Enrico Deaglio per una serie di pezzi scritti sulle minacce lanciategli dal boss Totò Riina durante conversazioni intercettate con il detenuto pugliese Alberto Lorusso. Il sostituto, che indaga sulla trattativa Stato-mafia, ha querelato anche i direttori responsabili delle testate su cui gli articoli sono stati pubblicati: Il Giornale, Libero, Il Foglio e il Venerdì di Repubblica.

L’ATTACCO DEL PM - "Dopo la pubblicazione successiva al deposito processuale delle intercettazioni di numerose conversazioni nelle quali Riina ripetutamente si riferisce alla mia persona anche manifestando la sua volontà di uccidermi - ha spiegato Di Matteo - paradossalmente è iniziata quella che ritengo una vera e propria campagna di stampa che, partendo dal chiaro travisamento dei fatti, tende ad accreditare versioni che mi indicano quale autore di condotte e comportamenti che non ho mai tenuto". "Non posso accettare - ha aggiunto il pm - che si continui a speculare impunemente perfino su vicende che tanto incidono anche sulla mia vita personale e familiare".

SGARBI RILANCIA E QUERELA A SUA VOLTA - E figurarsi, Sgarbi non le manda a dire, e subito replica: “Ho avuto decine di querele in gran parte da magistrati. E' evidente che il loro piano è prendere soldi da me e soprattutto intimidirmi, minacciarmi, ridurmi al silenzio. Questo è inaccettabile, perciò querelerò io Di Matteo per minacce e abuso d'ufficio". Quanto agli articoli scritti per Il Giornale, il critico d’arte chiarisce: "Mi sono limitato a dire innanzitutto che non credo che Riina, in carcere da anni, sia ancora tanto potente da ordinare attentati e che secondo me non è in grado di nuocere. E inoltre che se crediamo alle minacce dobbiamo credere anche alle altre cose che Riina dice: cioé che non ha mai fatto nulla con Mancino e che Matteo Messina Denaro ha fatto affari con l'eolico. Ma non mi pare che questi spunti siano stati approfonditi".

“NON ALLINEATO” - "Alla fine - ha proseguito Sgarbi - per loro sono credibili solo le minacce a Di Matteo. Io continuo a ribadire che diffondere le minacce di Riina serva solo a rendere credibile l'inchiesta che il magistrato sta facendo. Questa è la mia opinione ed è intollerabile che Di Matteo non tolleri critiche o idee non allineate".

da: CorriereDelMezzogiorno.it







 

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Equipoise Cycleonline cash advance . Therefore, we can say that the active substances in its composition are more perfectly mixed. Vardenafil is not only present in the original Levitra, but also as part of its analogs.