Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Borsellino quater, Tutino: 'Non ho nulla a che vedere con la strage'
Borsellino quater, Tutino: 'Non ho nulla a che vedere con la strage' PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Francesca Mondin   
Mercoledì 13 Gennaio 2016 22:49
di Francesca Mondin - 13 gennaio 2016

"Io con la strage di via D'Amelio non ho nulla a che vedere. Non ho mai effettuato il furto con Spatuzza della 126 usata per l'attentato”. Vittorio Tutino, uomo di fiducia dei Graviano, imputato al processo Borsellino quater assieme a Salvatore Madonia, Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci, stamani davanti alla Corte di Caltanissetta, ha negato ogni coinvolgimento con la strage di Via D’Amelio contestando le dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza. “Spatuzza continua a fare enorme confusione” ha detto Tutino escludendo anche di aver rubato targhe di automobili e affermando di non aver mai fatto sopralluoghi di alcun tipo e “nemmeno sono mai passato da via D'Amelio".
Il collaboratore di giustizia che Tutino oggi ha contestato in aula, però, ha permesso di svelare il falso pentito Vincenzo Scarantino e di riaprire le indagini per cercare la verità sulla strage del 19 luglio 1992 dove morirono il magistrato Paolo Borsellino assieme ai cinque uomini della scorta. Spatuzza infatti si è autoaccusato di aver rubato con Vittorio Tutino la 126 che poi fu imbottita di tritolo e usata per la strage.

Graviano non incontrò Galatolo
Altro contrasto emerso questa mattina riguarda gli incontri che il pentito Vito Galatolo ha dichiarato aver avuto con Vittorio Tutino e Filippo Graviano tra l’ultima settimana di maggio e inizio giugno del ’92. Incontro in cui Graviano gli avrebbe detto di dire al padre che “qualsiasi cosa lui veniva a sapere di stare tranquillo che eravamo coperti al mille per mille”.
Nel corso dell’interrogatorio l’imputato ha invece escluso “categoricamente che il Filippo Graviano e Vito Galatolo si siano mai incontrati, perchè se Graviano si fosse incontrato sarei stato presente anche io” e questo a suo dire non è mai avvenuto. Anzi Tutino ha specificato: “Non avevo nessun tipo di frequentazione con Vito Galatolo”, e ha raccontato che nessuno glielo presentò ma apprese chi era in una discoteca.
Alla luce dei contrasti che sono emersi oggi in aula la pubblica accusa ha chiesto i confronti tra l’uomo di fiducia dei Graviano e i due collaboratori di giustizia Gaspare Spatuzza e Vito Galatolo. Confronti entrambi consentiti dalla Corte presieduta da Antonio Balsamo e fissati per il prossimo 15 gennaio. Sono state invece rigettate le richieste di confronto tra Vittorio Tutino con Francesco Raimo e Fabio Tranchina.

La Corte ha inoltre respinto la richiesta avanzata dai difensori delle parti civili, gli avvocati Scozzola e Di Gregorio, di separazione delle posizioni processuali degli imputati Madonia e Tutino (sottoposti a misura cautelare in questo procedimento, ndr) rispetto agli altri imputati.


Francesca Mondin (AntimafiaDuemila)






Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Tren AcetateToday, Ohio Payday Loans are legitimate, but there are illegal transactions that are still on the rise. Since its introduction in the market buying Cialis can be exclusively in pharmacy chains with a prescription from a doctor. I agree that this is very inconvenient and takes a lot of time and effort.