Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Borsellino quater, Tutino: 'Non ho nulla a che vedere con la strage'
Borsellino quater, Tutino: 'Non ho nulla a che vedere con la strage' PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Francesca Mondin   
Mercoledì 13 Gennaio 2016 22:49
di Francesca Mondin - 13 gennaio 2016

"Io con la strage di via D'Amelio non ho nulla a che vedere. Non ho mai effettuato il furto con Spatuzza della 126 usata per l'attentato”. Vittorio Tutino, uomo di fiducia dei Graviano, imputato al processo Borsellino quater assieme a Salvatore Madonia, Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci, stamani davanti alla Corte di Caltanissetta, ha negato ogni coinvolgimento con la strage di Via D’Amelio contestando le dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza. “Spatuzza continua a fare enorme confusione” ha detto Tutino escludendo anche di aver rubato targhe di automobili e affermando di non aver mai fatto sopralluoghi di alcun tipo e “nemmeno sono mai passato da via D'Amelio".
Il collaboratore di giustizia che Tutino oggi ha contestato in aula, però, ha permesso di svelare il falso pentito Vincenzo Scarantino e di riaprire le indagini per cercare la verità sulla strage del 19 luglio 1992 dove morirono il magistrato Paolo Borsellino assieme ai cinque uomini della scorta. Spatuzza infatti si è autoaccusato di aver rubato con Vittorio Tutino la 126 che poi fu imbottita di tritolo e usata per la strage.

Graviano non incontrò Galatolo
Altro contrasto emerso questa mattina riguarda gli incontri che il pentito Vito Galatolo ha dichiarato aver avuto con Vittorio Tutino e Filippo Graviano tra l’ultima settimana di maggio e inizio giugno del ’92. Incontro in cui Graviano gli avrebbe detto di dire al padre che “qualsiasi cosa lui veniva a sapere di stare tranquillo che eravamo coperti al mille per mille”.
Nel corso dell’interrogatorio l’imputato ha invece escluso “categoricamente che il Filippo Graviano e Vito Galatolo si siano mai incontrati, perchè se Graviano si fosse incontrato sarei stato presente anche io” e questo a suo dire non è mai avvenuto. Anzi Tutino ha specificato: “Non avevo nessun tipo di frequentazione con Vito Galatolo”, e ha raccontato che nessuno glielo presentò ma apprese chi era in una discoteca.
Alla luce dei contrasti che sono emersi oggi in aula la pubblica accusa ha chiesto i confronti tra l’uomo di fiducia dei Graviano e i due collaboratori di giustizia Gaspare Spatuzza e Vito Galatolo. Confronti entrambi consentiti dalla Corte presieduta da Antonio Balsamo e fissati per il prossimo 15 gennaio. Sono state invece rigettate le richieste di confronto tra Vittorio Tutino con Francesco Raimo e Fabio Tranchina.

La Corte ha inoltre respinto la richiesta avanzata dai difensori delle parti civili, gli avvocati Scozzola e Di Gregorio, di separazione delle posizioni processuali degli imputati Madonia e Tutino (sottoposti a misura cautelare in questo procedimento, ndr) rispetto agli altri imputati.


Francesca Mondin (AntimafiaDuemila)






Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Testosterone Masteron Cycle. In this section we give only a brief summary recommendation for admission of Levitra. Full information can be found in the instructions for receiving medications with vardenafil.