Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Altri documenti Addio a Mario Almerighi
Addio a Mario Almerighi PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Lorenzo Baldo   
Domenica 26 Marzo 2017 22:22
di Lorenzo Baldo - 26 marzo 2017

“Caro Mario, c’era un tempo in cui noi magistrati sapevamo di essere tanti, magari dispersi tra le varie sedi, ma tutti amici e con le medesime idee e spirito di sacrificio. Com’era bello! Tutto questo è finito. Il potere ha ripreso il controllo”. Poco tempo dopo aver scritto questa lettera al suo collega e amico Mario Almerighi, nella notte del 25 ottobre 1983, il giudice Gian Giacomo Ciaccio Montalto veniva ucciso a Valderice in provincia di Trapani.
La notizia dell’improvvisa scomparsa del giudice Mario Almerighi si unisce al ricordo del suo grande amico Ciaccio Montalto.
Abbiamo conosciuto personalmente il giudice Almerighi nei primi anni di Antimafia Duemila dopo aver approfondito la sua grande opera all’interno della magistratura. Il suo profondo senso per la giustizia ci ha colpito particolarmente: un rigore morale che lo ha visto contrapporsi a uomini potenti come Giulio Andreotti, l’ex Premier democristiano i cui rapporti con la mafia sono stati confermati fino al 1980, di seguito prescritti, con tanto di ibrida assoluzione. Tra i tanti episodi di impegno a favore della verità e della giustizia che hanno costellato la vita di Mario Almerighi, vale la pena ricordarne uno.
Verso la fine del ‘99, dopo la sentenza di assoluzione nel processo per mafia, Andreotti, inveì in diretta Tv a “Porta a Porta”, nel salotto di Bruno Vespa, definendo Almerighi “un pazzo”, un “falso testimone” che “ha detto infamie” e che lo avrebbe denunciato perché “passi che un mafioso pentito dica il falso ... ma che lo faccia un magistrato non è tollerabile”. Ma a cosa si riferiva Andreotti? I fatti contestati risalivano al giugno del ‘97 quando Almerighi, all’epoca presidente della nona sezione penale di Roma, aveva deposto  durante il processo per mafia contro Andreotti. In quella occasione il magistrato aveva confermato una confidenza, di dieci anni prima, fra lui e l’ex giudice istruttore di Caltanissetta Claudio Lo Curto sull’esistenza di presunti rapporti privilegiati tra il senatore a vita e Corrado Carnevale. Rapporti di cui avrebbe parlato ad Almerighi anche l’ex capo di gabinetto del ministro della giustizia Virginio Rognoni, Piero Casadei Monti.
A seguito di quegli attacchi indecenti a “Porta a Porta” Almerighi aveva querelato Andreotti. Che immediatamente era passato al contrattacco: l’ex Premier aveva chiesto e ottenuto l’immunità parlamentare, sostenendo di aver fatto quelle dichiarazioni nell’esercizio delle sue funzioni di senatore. almerighi bongiovanni webIl gup di Perugia aveva proposto conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, sostenendo che le dichiarazioni del senatore Andreotti erano riferibili a fatti personali e che non avevano alcun collegamento con la funzione parlamentare. Il 4 maggio 2005 la Corte Costituzionale aveva risolto il conflitto annullando la delibera del Senato di insindacabilità delle opinioni espresse da Andreotti sul conto di Almerighi. L’11 maggio del 2006 il gup di Perugia Claudia Matteini aveva quindi rinviato a giudizio l’ex senatore a vita per diffamazione nei confronti dello stesso Almerighi. Dopo un anno era arrivata la prima sentenza di condanna: pagamento di una multa di duemila euro (pena che era stata interamente condonata a causa dell’indulto), il pm Sergio Sottani aveva addirittura richiesto sei anni di reclusione. La condanna era stata successivamente confermata in appello e in Cassazione. Andreotti era stato quindi costretto a risarcire Almerighi con 20mila euro.
A distanza di tanti anni quel “potere che ha ripreso il controllo” di cui parlava il giudice Ciaccio Montalto in quella sua lettera, appare quanto mai presente e operativo nel nostro Paese. Ecco perché la perdita di magistrati integerrimi come Mario Almerighi lascia un senso di vuoto. Che può essere colmato solamente da quei magistrati incorruttibili che a tutt’oggi vengono osteggiati dal potere e trattati come “corpi estranei” da un sistema criminale integrato. Che lo stesso Almerighi aveva in parte individuato.
Addio dottor Almerighi, e grazie da parte di tutta Antimafia Duemila per quello che ha fatto per il nostro Paese!


Lorenzo Baldo (AMDuemila)




Foto di copertina: il magistrato Mario Almerighi © ACFB
Foto a destra:
Palermo 2002. Il direttore Giorgio Bongiovanni e Mario Almerighi durante la conferenza "Il Potere e la Mafia" © ACFB

ARTICOLI CORRELATI

La borsa di Calvi e la trattativa Vaticano-Carboni

Dalla P2 a Pecorelli il suo nome non manca mai

Anche il Consiglio di Stato rigetta la richiesta di Mario Almerighi

''Il Testimone'' - Trapani, 25 Gennaio

Tre suicidi in un sistema che uccide



Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Do you need Payday Loans Missouri as soon as possible? Cialis Professional online is capableto release you reliably from the erection problems, its improved formula gives the new properties to the drug.